Cosa sappiamo fino ad ora della morte di Chris Cornell: la polizia indaga per sospetto suicidio

Cosa sappiamo fino ad ora della morte di Chris Cornell: la polizia indaga per sospetto suicidio

Aggiornamento, ore 18,15: secondo fonti citate da TMZ che sarebbero entrate in contatto con la moglie di Chris Cornell, l'artista non avrebbe dato ai familiari alcun segnale di depressione o di tendenze suicide. La donna avrebbe cercato di raggiungere telefonicamente il marito nella notte, ma non sentendolo rispondere si sarebbe preoccupata e avrebbe chiesto a qualcuno di contattare la sicurezza dell'hotel.

Aggiornamento, ore 17.00: La portavoce dell'ufficio della contea di Wayne, Lisa Croff, ha spiegato che gli esami post mortem sul corpo di Chris Cornell saranno condotti dal dipartimento di medicina legale della città di Detroit, e che i primi risultati saranno resi noti entro la giornata di oggi (ora locale). Dontae Freeman, portavoce del dipartimento di polizia di Detroit, ha riferito del ritrovamento di un laccio al collo di Cornell al momento del rivenimento del cadavere presso l'hotel MGM Grand nella Motor City: questo particolare, tuttavia, non è stato confermato da un altro collega del locale dipartimento di polizia, Michael Woody. A trovare per primo la salma dell'artista, ha confermato Freeman, è stato un amico di famiglia dei Cornell, che ha forzato la porta della stanza occupata dal frontman dei Soundgarden.

Ha sorpreso il mondo intero la triste notizia della scomparsa di Chris Cornell, il frontman dei Soundgarden morto la scorsa notte all'età di 52 anni dopo un concerto tenuto con la sua band al Fox Theatre di Detroit.

A confermare la perdita del cantante e chitarrista nato a Seattle nel 1964 è stato l'agente del cantante, Brian Bumbery, che in una nota fatta pervenire all'Associated Press nella mattina (ora italiana) di oggi, giovedì 18 maggio, ha spiegato: "Sua moglie Vicky e la sua famiglia sono scioccati nell'aver appreso della improvvisa e inaspettata morte: collaboreranno a stretto contatto con i medici legali per determinare le cause del decesso. Ringraziano i fan per l'amore e la leatà dimostrata, e chiedono riservatezza".

Cornell alloggiava all'hotel MGM Grand, sempre nella Motor City, situato solo a pochi isolati dal Fox Theater, dove l'artista ha tenuto l'ultimo concerto insieme al suo gruppo. Secondo una ricostruzione fatta prima dalla testata locale WDIV e poi confermata dalle autorità locali, l'artista è stato trovato nel bagno della sua stanza da un amico di famiglia, che avrebbe chiamato la più vicina stazione di polizia alla mezzanotte locale. Arrivati sul posto, gli agenti hanno trovato il cadavere di Cornell, che è stato dichiarato morto sul posto.

"Stiamo investigando su un caso di sospetto suicidio", ha confermato al Mirror Michael Woody del Detroit Police Department. Secondo WDIV, ad allertare l'amico di famiglia intervenuto al MGM Grand sarebbe stata la stessa moglie di Cornell, preoccupata per le condizioni del marito.

Se dovesse essere confermato, il particolare del suicidio conferirebbe alla scomparsa di Cornell un aspetto ancora più doloroso: da sempre impegnato in opere benefiche, l'artista aveva visitato solo poche settimane fa un campo profughi in Grecia. Da quando emerge sui suoi profili social, il cantante e chitarrista non aveva dato alcun segno di sofferenza emotiva che potesse lasciar presagire un così tragico epilogo:

I Soundgarden erano nel bel mezzo del loro tour primaverile negli Stati Uniti, che li avrebbe visti esibirsi ancora per altre sei date fino al Rocklahoma di Pryor, il prossimo 27 maggio. (in aggiornamento)

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.