Morgan: 'Amici è stata una trappola. Conti e la De Filippi non mi hanno selezionato a Sanremo'

Morgan: 'Amici è stata una trappola. Conti e la De Filippi non mi hanno selezionato a Sanremo'

In una lunga intervista concessa a Gino Castaldo per Repubblica, Morgan fa il punto sulla sua carriera, racconta i progetti a cui sta lavorando e - inevitabilmente - torna a parlare dell'esperienza ad "Amici" e del suo rapporto con Maria De Filippi.

Partendo dall'omaggio a David Bowie che l'ex frontman dei Bluvertigo proporrà sul palco del Festival della Bellezza di Verona il prossimo mese ("Bowie per me è un nascondiglio, un posto dove si sta bene, dove sei compreso nelle tue stranezze, dove tutto quello che la gente ti dice che non va bene, lì è permesso"), nell'intervista Morgan parla della sua personalità e delle reazioni che hanno talvolta suscitato alcune sue dichiarazioni, come quella sul consumo di droga che nel 2010 gli costò l'esclusione dal Festival di Sanremo. "Possiamo dire che è anche un provocatore?", gli chiede il giornalista. E il cantautore risponde:
 

"Sì, a volte, ma tanto non vengo capito. Una volta a X Factor sono uscito da un aereo e ho fatto il saluto fascista. Tutti sconvolti, io ho detto: ma non capite, sto solo citando Bowie che citava Chaplin, è una metacitazione, ha perso completamente il suo valore politico, ma non potevano capirla, e infatti l'hanno tagliata".


Morgan racconta poi che quest'anno, dopo la partecipazione con i Bluvertigo dello scorso anno, avrebbe dovuto nuovamente partecipare - stavolta da solista - al Festival di Sanremo, ma di essere stato escluso:
 

"Io già lavoravo con la De Filippi, lei mi disse: 'Conti vorrebbe trascinarmi a Sanremo, ma figurati se ci vado'. In realtà aveva già firmato, e io avevo già consegnato la canzone, e tutti e due, Conti e la De Filippi, hanno detto che era un capolavoro, però non mi hanno selezionato. Maria disse: io non ho voce in capitolo sul cast. E sì, certo, poi però tra i giovani ha vinto Lele".


Dunque la questione "Amici":
 

"È stata una trappola. Maria mi disse: ti devi inventare qualcosa per uscire, così quando esci io posso parlare bene di te e tu sembri un fico. Io ero perplesso, ma lei alla fine mi ha messo il pubblico contro, e io a quel punto sono uscito. Non ero neanche incazzato, tanto era una commedia, credevo. Esco e vado a vedere sullo schermo quello che succedeva e sento lei che dice 'avete ragione a essere arrabbiati con Morgan, ma non dovete ucciderlo'. Non ci potevo credere. Poi è venuta a cercarmi e mi ha detto: non sei mortificato? Io le ho risposto: no, crocifisso".


Nell'intervista Morgan poi dice di essere al lavoro su un libro su come si scrive la canzone perfetta e di avere tra le mani cinque dischi fatti e pronti per essere pubblicati, ma di non avere un contratto discografico:
 

"Li ho mandati tutti a fare in culo, oppure forse sono loro che mi hanno mandato a fare in culo, fatto sta che non hanno capito il valore di quello che sto facendo, ed è imbarazzante perché invece il valore di Fedez lo capiscono".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.