Rolling Stones a Lucca: il promoter risponde alle minacce di esposto del Codacons

Rolling Stones a Lucca: il promoter risponde alle minacce di esposto del Codacons

Continua la coda di polemiche per il concerto dei Rolling Stones a Lucca fissato per il prossimo 23 settembre. Ora interviene il Codacons che ha annunciato un un esposto alle procure di Milano e di Lucca, contro il "mercato sporco ed illecito dei biglietti con accaparramento e rivendita su Internet a danno dei ragazzi".

Riceviamo e pubblichiamo, a tale proposito, la risposta di Mimmo D'Alessandro, di D'Alessandro & Galli, promoter del concerto della rock band britannica:

Apprendiamo con stupore e disappunto dell’annunciato esposto del Codacons presso le procure di Lucca e Milano per denunciare presunte irregolarità sulla vendita dei biglietti per il concerto dei Rolling Stones a Lucca del 23 Settembre.

Siamo indignati nel vedere un’associazione come il Codacons, che in teoria dovrebbe tutelare l’interesse dei consumatori, affrontare una questione seria come quella del secondary ticketing con tale leggerezza, non basandosi su una conoscenza reale dei fatti ma solo cavalcando un’onda emotiva di indignazione generalizzata che spesso identifica gli organizzatori e Ticketone come artefici di questo vergognoso meccanismo.

La realtà dei fatti è un’altra: sia noi che Ticketone siamo vittime di questo sistema e abbiamo cercato anche in questa occasione di adottare tutte le precauzioni possibili per arginare questo fenomeno.

I biglietti per il concerto dei Rolling Stones sono stati tutti messi in vendita attraverso il circuito Ticket One, ad eccezione di un numero limitato di biglietti che potevano essere acquistati attraverso il box office di Lucca, per dare l’opportunità ai lucchesi di poter assistere ad uno spettacolo irripetibile e quale ringraziamento per l’accoglienza del Summer Festival, arrivato, quest’anno, alla sua ventesima edizione.

Nessun biglietto è stato fornito direttamente da D’Alessandro e Galli ad alcun soggetto coinvolto nella pratica di secondary ticketing e saremo ben lieti, se convocati, di recarci presso la Procura della Repubblica per dare tutte le spiegazioni e dimostrare l’assoluta trasparenza e regolarità della vendita.

Il Codacons ha gratuitamente e senza alcun elemento insinuato che i biglietti per il concerto dei Rolling Stones sarebbero stati messi in vendita favorendo il Secondary Market, ovvero i bagarini gettando fango gratuito su una società come D’Alessandro e Galli che, come dimostrano anche le dichiarazioni di pochi giorni da del Direttore Generale della Siae Gaetano Blandini "Da oltre 30 anni sono tra i più seri organizzatori di eventi live, stimati e noti anche a livello internazionale. Da sempre rispettosi dei diritti del pubblico, degli autori, degli artisti e delle regole “.

Affrontare una questione così delicata con questa leggerezza potrà valere al Codacons qualche titolo di giornale ma non aiuterà a risolvere un problema che grava su quei consumatori che dovrebbero tutelare.

La D’Alessandro e Galli si riserva di approntare tutte le idonee azioni a tutela della sua immagine.

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.