Ricerca inglese: nel 2010 i download digitali varranno meno dell'8 % del mercato

Ricerca inglese: nel 2010 i download digitali varranno meno dell'8 % del mercato
Quanta musica compreremo attraverso Internet a fine decennio? Informa Media Group, ente di ricerche londinese, consulta la sua sfera di cristallo e predice che nel 2010 gli acquisti on-line varranno oltre il 15 % del mercato contro il 4,6 % di oggi: il giro d’affari sarà più che triplicato, in sostanza, superando i 6 miliardi di dollari. Di questi, oltre la metà (3,1 miliardi di dollari, 7,7 % del mercato globale) deriverà, secondo Informa Media, dalla vendita di musica digitale vera e propria (download a pagamento) piuttosto che dalle attività di mail order elettronico di aziende come Amazon: una stima comunque abbastanza conservativa rispetto ad altre che si sentono in giro.
Chi dominerà il mercato? Qui la risposta è più facile: ancora e sempre gli Stati Uniti, grazie all’alto ritmo di penetrazione delle connessioni veloci a banda larga che già oggi inducono i consumatori americani a scaricare legalmente circa 3 milioni di canzoni a settimana (nel 2003, secondo l’IFPI, il 23 % delle abitazioni negli Usa era dotato di connessioni broadband, mentre il 61 % disponeva di un collegamento a Internet); secondo Simon Dyson, autore della ricerca, nel 2010 il mercato on-line statunitense varrà 2,44 miliardi di dollari (1,34 miliardi di dollari le vendite digitali). Conclusioni (almeno fino alle proiezioni prossime venture di qualche ditta concorrente): il mercato digitale continuerà a convivere ancora per un certo numero di anni con quello tradizionale, e i Cd con i download. E poche illusioni sulla rapida sconfitta del file sharing non autorizzato, che nel 2004 ha sottratto all’industria discografica vendite per almeno 1,2 miliardi di dollari.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.