Rolling Stones a Lucca e il prezzo del biglietto: inutile lamentarsi. E’ il mercato, bellezze, e il mercato lo fate voi

Rolling Stones a Lucca e il prezzo del biglietto: inutile lamentarsi. E’ il mercato, bellezze, e il mercato lo fate voi

Leggo nei commenti alle notizie di Rockol sul prossimo concerto dei Rolling Stones a Lucca una comune lamentela riguardante il prezzo – “troppo alto”.
Se è troppo alto, non comprate i biglietti: è questa l’unica risposta che darei, se avessi voglia di rispondere ai commenti uno per uno. Perché questo è solo l’ultimo esempio di quello che avevo (facilmente) preconizzato in precedenti articoli sul tema del secondary ticketing. Era ovvio che, nel momento in cui promoter si fossero resi conto che i biglietti da loro venduti a X venivano rivenduti (e comprati) a prezzi maggiorati, quando non raddoppiati o triplicati, avrebbero alzato il prezzo. E’ il mercato, bellezze: se c’è richiesta, i prezzi salgono.


Inutile lamentarsi.

L’unica forma di pressione esercitabile è quella di non comprare i biglietti, di non andare al concerto. Dispiace? Be’, peccato. E prima che commentiate dicendo che tanto “noi giornalisti” ai concerti ci andiamo gratis, sappiate – magari una volta per tutte – che non è valido per tutti i giornalisti e in qualsiasi numero. Ogni testata, e nemmeno tutte le testate, può godere di un solo accredito (al massimo due se parliamo di quotidianoni “importanti”). Gli altri giornalisti, i biglietti nemmeno possono comperarli a prezzi di favore: se li vogliono se li devono comprare a “face value”.
E sapete perché? Perché il lavoro dei giornalisti, cioè il lavoro che un tempo era utile ai promoter per far crescere l’attesa e il desiderio di assistere a uno spettacolo, e per mandare la gente nei luoghi delle prevendite fisiche – ed era in un certo senso compensato “in natura” elargendo pass gratuiti - è stato totalmente deprezzato dal fatto che i biglietti per un concerto importante vanno immediatamente esauriti; quindi non si vede perché i promoter dovrebbero essere particolarmente gentili con i giornalisti, visto che non hanno più bisogno di loro.


Ciò detto, può anche essere che il prezzo sia troppo alto in assoluto (questione opinabile: dipende da quanto uno ci tiene a vedere e sentire gli Stones, o chiunque altro, dal vivo). Aspetto di sapere quale sarà il prezzo “ufficiale” del biglietto per i concerti di Amburgo, Monaco, Zurigo, Barcellona, Amsterdam, Stoccolma, Parigi (che poi non è Parigi, è Nanterre: dove, pare, i biglietti andranno da 80 a 150 euro, ma il dato è da confermare); da quel che vedo già in giro (dove? Ma sui siti di secondary ticketing, naturalmente!), i posti migliori per il concerto del 27 settembre a Barcellona, per dire, stanno già a 309 euro. La situazione, quindi, non è solo italiana, riguarda tutta l’Europa. Fatevene una ragione. Oppure, se avete una soluzione, proponetela.

Franco Zanetti

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.