Kobalt, investimento da 75 milioni di dollari dalla Hearst Entertainment

Kobalt, investimento da 75 milioni di dollari dalla Hearst Entertainment

La società di edizioni fondata nel 2002 da Willard Ahdritz ha beneficiato di un investimento da 75 milioni di dollari da parte del gigante della comunicazione americano Hearst Entertainment, società di produzione controllata dal gruppo editoriale intitolato a William Randolph Hearst: "Siamo molto eccitati dal dare il benvenuto alla Hearst Entertainment tra i nostri investitori", ha spiegato in una nota Ahdritz, "Il nostro obbiettivo comune è che i creatori vengano pagati per il loro lavoro e informati debitamente".

"I guadagni dell'industria musicale sono tornati a crescere grazie alla fulminante ascesa di piattaforme di streaming come Spotify, Apple, Google, Amazon e Pandora", ha commentato dal canto suo Neeraj Khemlani, presidente della Hearst Entertainment: "Ahdritz è stato abile nel posizionare la sua società come una delle più importanti sul panorama di questo boom".

Con 191 milioni di dollari raccolti dall'anno della sua fondazione Kobalt è una delle società meglio finanziate nell'ambito della gestione editoriale, nonostante negli ultimi due anni - e pur a fronte di incassi pari a 220 milioni di dollari nel 2015 e 260 nel 2016 - abbia fatto segnare perdite per 27 milioni nel 2015 e 19,5 milioni nel 2016.

Interrogato su come abbia intenzioni di utilizzare i 75 milioni investiti da Hearst Entertainment, Ahdritz ha dichiarato di voler "rafforzare ulteriormente" il catalogo editoriale per "andare incontro alla domanda della crescita mondiale dello streaming musicale".

Dall'archivio di Rockol - La dura vita della star: quando chi sta sul palco diventa un bersaglio
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.