Music Census: troppo cari i Cd per gli italiani (che amano poco gli mp3)

Le promozioni sui dischi in serie economica e gli sconti nei centri commerciali, evidentemente, non bastano: per la maggioranza degli italiani i prezzi dei Cd restano troppo cari.

Lo conferma un sondaggio che il network televisivo satellitare Music Choice (ne sono azionisti BSkyB, Warner Music e Sony Corporation) ha aperto, per il quarto anno consecutivo, al suo pubblico di tutta Europa, oltre 13 milioni di utenti potenziali dichiarati. Il 97 % dei nostri connazionali (tra quelli che, ovviamente, hanno risposto al “Music Census” 2004 lanciato dalla Tv musicale, 25 canali tematici in offerta sulla piattaforma Sky) la pensa così, e questa non è poi una grossa sorpresa. Meno scontato, invece, che il download di musica dalla rete, legale o illegale, non sia ancora visto come un’alternativa concreta all’acquisto nei negozi, se non da una fetta minoritaria del “popolo” di Music Choice. Solo il 46 % degli italiani (italiani appassionati di musica, dotati di decoder digitale e prevalentemente di giovane età) dice di aver scaricato almeno una volta un file audio da Internet, e appena il 6 % ammette di averlo fatto ricorrendo a sistemi illegali. Siamo indietro? Sembra di noi, se i risultati del censimento sono affidabili. Il resto d’Europa non si comporta diversamente, se è vero che l’89 % considera troppo alto il prezzo dei Cd e appena il 44 % ricorre in alternativa ai download da Internet. Il 55 % degli europei, e ben il 69 % degli italiani che hanno partecipato al censimento, dichiara ancora, dunque, di preferire il sistema tradizionale di acquisto, se solo i dischi nei negozi costassero di meno. Quanto ai download, il campione nazionale di Music Census si dichiara convinto in gran maggioranza (80 %) che scaricare musica da Internet non danneggi più di tanto le case discografiche; il 39 % vorrebbe che la musica in rete fosse sempre disponibile a titolo gratuito mentre un altro 36 % si dichiara disposto a pagare fino a 80 centesimi di euro a canzone (contro gli attuali 99 centesimi standard). .


Confermata la passione nazionale per le compilation (l’82 % degli italiani partecipanti al censimento dichiara di avere una collezione di dischi composta per un quinto da questo genere di prodotti), ascoltare musica (e rock, in particolare: preferito dal 52 %) resta ai primissimi posti nella scala dei valori della popolazione nostrana, subito dopo le attività rivolte alla socializzazione e davanti a sesso, sport, cinema, shopping e televisione. Popolo di telefonino-dipendenti, l’86 % dei connazionali - sorpresa – dichiara anche di essere infastidito dalle suonerie polifoniche incorporate nei cellulari. Curioso, ma è un sondaggio e prendiamolo per quello che è.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.