Fyre festival, la saga continua: parte la class action da 100 milioni di dollari

Fyre festival, la saga continua: parte la class action da 100 milioni di dollari

Nonostante le scuse ufficiali e la volontà - almeno dichiarata - di fare ammenda, gli organizzatori del festival di superlusso trasformatosi in sonoro bidone (il Fyre Festival) sono in guai piuttosto grossi ora.

E' così - come riporta l'edizione USA di "Rolling Stone", che ha avuto accesso ai documenti ufficiali - che Billy McFarland e Ja Rule (all'anagrafe Jeffrey Atkins) devono ora affrontare una class action iniziata da uno dei tanti acquirenti dei biglietti che si aspettavano di partecipare a un evento esclusivo e si sono trovati in una tendopoli a mangiare panini al formaggio e insalata.

E' stata infatti depositata la documentazione per una class action con richiesta di risarcimento di ben 100 milioni di dollari, in cui si dichiara che gli organizzatori hanno deliberatamente messo in pericolo i partecipanti all'evento (pur sapendo che le condizioni per organizzarlo non sussistevano) e hanno in pratica truffato tutti gli acquirenti dei tagliandi promettendo cose che non potevano essere in realtà offerte.

Nel documento si legge:

La mancanza di cibo adeguato, acqua, ripari e assistenza medica ha creato una situazione pericolosa di panico fra il pubblico - che si è trovato all'improvviso bloccato su un'isola fuori mano senza il minimo indispensabile - una situazione più vicina a "Hunger Games" o a "Il signore delle mosche" che non al Coachella.

E' possibile leggere il testo integrale del documento su Scribd.

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.