Da riscoprire: la storia di “Chiedi chi erano i Beatles” degli Stadio

Da riscoprire: la storia di “Chiedi chi erano i Beatles” degli Stadio

 

Il 1984 è un anno di alti e bassi per gli Stadio. Trentadue anni prima di vincere il festival con “Un giorno mi dirai”, partecipano a Sanremo con una canzone intitolata “Allo stadio” che si piazza in ultima posizione. Ma è subito tempo di rivincita. Dopo il festival esce infatti l’album “La faccia delle donne” che contiene canzoni scritte con l’allora esordiente Luca Carboni, Lucio Dalla, Ron, Vasco Rossi. Quest’ultimo è co-autore di “Acqua e sapone”, dalla colonna sonora dell’omonimo film di Carlo Verdone, e della title track, che il rocker di Zocca canta in duetto con Gaetano Curreri. Dopo la débâcle sanremese, è un bella affermazione di vitalità. Ma il 1984 ha ancora una grande sorpresa in serbo.

GUARDA LA PAGINA DEDICATA AGLI STADIO E PRE-ASCOLTA GLI ALBUM CHE PREFERISCI

La casa discografica degli Stadio, la RCA, sta usando un formato intermedio fra l’album a 33 giri, che di solito dura una quarantina di minuti e contiene dalle otto alle dieci canzoni, e il singolo a 45 giri con due brani divisi fra lato A e lato B. Il formato si chiama QDisc, è stato lanciato nel 1980, ha portato fortuna a Francesco De Gregori con il suo best seller “La donna cannone” e a Lucio Dalla con “Telefonami tra vent’anni”. La lettera Q sta sia per quattro, ovvero il numero di canzoni solitamente incluse (a volte sono cinque), sia per “qualità”. La RCA propone agli Stadio di cimentarsi con questo formato breve, che oggi chiameremmo EP. Il gruppo tira fuori per l’occasione uno dei pezzi migliori del suo repertorio.

CONTINUA A LEGGERE LA RECENSIONE DI "CHIEDI CHI ERANO I BEATLES" SUL SITO DI LEGACY

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.