Fyre Festival, parla l'organizzatore del festival di lusso diventato un bidone: 'Noi senza esperienza, ma ci riproveremo'

Fyre Festival, parla l'organizzatore del festival di lusso diventato un bidone: 'Noi senza esperienza, ma ci riproveremo'

Se la regola è bene o male purché se ne parli, il Fyre Festival può contare - in termini di marketing - su una potenza di fuoco impressionante prima ancora della prima edizione: la maratona musicale venduta dagli organizzatori come "di lusso" ospitata su un'isola caraibica diventata un incubo per gli spettatori, con tutti i concerti annullati e - ad accogliere il pubblico - una vera e propria tendopoli con, al posto dei promessi catering gourmet, razioni alimentari degne di un campo profughi, a pochi giorni dal mancato debutto (diventato fiasco) è diventata virale per la più sbagliata delle ragioni.

Onore, quindi, a Billy McFarland, co-fondatore - insieme al rapper Ja Rule - del festival che nonostante la figuraccia rimediata ha avuto il coraggio di metterci la faccia e raccontare all'edizione statunitense di Rolling Stone la sua versione dei fatti: "Pensavamo di avere una tabella di marcia corretta", ha spiegato il promoter, "Abbiamo peccato di ingenuità nel pensare di potercela fare da soli già dalla prima volta. L'anno prossimo inizieremo a lavorarci prima: la verità è che non abbiamo abbastanza esperienza per tenere il passo. Il prossimo anno faremo le cose per bene per tutti, e più in grande".

Più stringato è stato il suo socio, Ja Rule, che ha affidato a Twitter il suo commento. "Stiamo lavorando per portare tutti [gli spettatori] via dall'isola in tutta sicurezza. Voglio che questo sia un grande evento e non una truffa", ha scritto il rapper, prima di concludere nel più classico dei modi: "Non è colpa mia".

Per la verità, qualche esperienza McFarland ce l'ha, ma - secondo quanto riferito dal Washington Post - sempre in ambito di promesse disattese: nel 2013 l'imprenditore fondò una società - Magnises - che prometteva ai suoi iscritti (ai quali veniva richiesta una quota annuale di 250 dollari americani) "accessi a eventi esclusivi" di carattere musicale, gastronomico e culturale nelle maggiori città americane. In molti casi i benefit promessi non sono mai stati erogati, tanto da far collezionare alla Magnises la bellezza di 17 segnalazione (anche per notevoli ritardi nei rimborsi) all'associazione di consumatori Better Business Bureau.

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.