Secondary ticketing, parla il presidente di Live Nation Michael Rapino: 'Del mercato secondario non ne voglio sapere'

Secondary ticketing, parla il presidente di Live Nation Michael Rapino: 'Del mercato secondario non ne voglio sapere'

Ha del clamoroso l'affermazione di Michael Rapino, presidente di Live Nation e in passato possibilista riguardo al secondary ticketing "ufficiale" - tanto da avere nel roster delle controllate del suo gruppo Live Nation - Ticketmaster anche Seatwave, una delle piattaforme più attive sul mercato secondario: in un intervento tenuto alla Canadian Music Week di Toronto, il manager ha dichiarato a chiare lettere di non voler entrare con l'azienda che guida nel business del secondary market.

"Non si tratta di stroncare il bagarinaggio di strada", ha spiegato Rapino: "Quella che è in atto è una vera corsa agli armamenti dell'industria globale: abbiamo bagarini professionisti, bot e tecnologie... Cazzo, vogliamo lasciargli 8 miliardi di dollari [stima del giro d'affari mondiale del secondary ticketing, ndr]? Per questo dobbiamo mobilitarci".

Gli speculatori, per Rapino, non sono "cattivi", ma semplicemente persone che cercando di "trarre un vantaggio da una realtà di mercato viva e in buona salute". Come ovviare, quindi, al problema del secondary ticketing? Rapino ha riproposto una ricetta che aveva già immaginato a suo tempo, cioè quella di aumentare i prezzi dei biglietti, questa volta - però - in chiave più democratica, cioè alzando i prezzi delle poltronissime per ridurre i settori meno prestigiosi.

"Non ci voglio entrare nel mercato secondario, in nessun modo", ha spiegato Rapino, che ha auspicato, per combattere le speculazioni online, l'applicazione di nuove tecnologie - come il sistema Verified Fan studiato da Ticketmaster - che permettano l'emancipazione del codice a barre dell'e-ticket convenzionale: "Credo che alla fine i contenuti vinceranno", ha concluso il manager, "Nel caso delle squadre sportive è già successo. Loro non lasciano che qualcun altro faccia i soldi al loro posto".

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.