Morgan a 'Ballando con le stelle' racconta la storia del valzer, da Strauss a De André - VIDEO

Morgan a 'Ballando con le stelle' racconta la storia del valzer, da Strauss a De André - VIDEO

"Avevo delle cose da dire", aveva detto Morgan poco prima dell'inizio del programma del sabato sera di Rai1 condotto da Milly Carlucci, "concorrente" di "Amici". Tutti si aspettavano che l'ex frontman dei Bluvertigo potesse tornare a parlare del suo allontanamento dal talent show, per il quale era stato chiamato a vestire i panni di direttore artistico della squadra bianca, e invece - un po' a sorpresa - a "Ballando con le stelle" Morgan ha tenuto una sorta di lezione sulla storia del valzer.

"Sono venuto in questo programma di ballo a dire delle cose che voi non avete ancora detto. Voglio parlare del valzer...", ha detto il cantautore entrando in scena, rivolgendosi alla conduttrice. E subito ha cominciato a raccontare la storia del valzer, citando grandi compositori come Johann Strauss, Chopin, Ravel e Šostakovic: "I valzer, nell'epoca delle corti, erano musica pop" - GUARDA QUI IL VIDEO COMPLETO.

Partendo da Strauss, Morgan è arrivato a parlare anche di Secondo Casadei, considerato il più importante esponente del liscio romagnolo (il musicista, autore della celebre "Romagna mia", è scomparso nel 1971), e di Fabrizio De André, uno dei cantautori italiani che si sono cimentati con il valzer: di De André, Morgan ha fatto ascoltare "Valzer per un amore", brano pubblicato dal cantautore genovese nel 1964.

"La versione di Morgan valeva veramente la pena ascoltarla", ha detto Milly Carlucci, al termine dell'intervento del cantautore.

Dall'archivio di Rockol - Amici 2017, parla il coach della squadra bianca
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
FRANCESCO DE GREGORI
Scopri qui tutti i vinili!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.