Siete stati fan di Lady Oscar e Mila e Shiro? NON guardate questi video…

Siete stati fan di Lady Oscar e Mila e Shiro? NON guardate questi video…

Per ragioni familiari, sia negli anni Ottanta sia all'inizio degli anni Dieci sono stato molto esposto all'ascolto delle sigle televisive dei cartoni animati. In particolare durante i viaggi in auto, un paio di Cd con una raccolta di sigle mi sono stati di grande aiuto per tener buoni i miei piccoli passeggeri.
Fra tutte quelle contenute in quei Cd, due sigle mi sono sempre "suonate" particolarmente riuscite dal punto di vista prettamente musicale, e anzi le considero due eccellenti canzoni pop "prestate" alla funzione di sigla tv di programmi per bambini.

Si tratta di "Lady Oscar", uscita nel 1982 e interpretata da I Cavalieri del Re (non riesco al momento a reperire con certezza gli autori: sul portale SIAE ci sono sette canzoni con quel titolo…), e di "Mila e Shiro, due cuori nella pallavolo", uscita nel 1986, di Alessandra Valeri Manera e Carmelo Carucci e cantata da Cristina D'Avena.
Ho scoperto oggi, del tutto casualmente, che da qualche anno c'è in giro un performer di nome Paolo Tuci che, nei suoi spettacoli, reinterpreta le canzoni dei cartoni animati in maniera, come dire?, leggermente trasgressiva. Incuriosito, ho fatto un po' di ricerche su YouTube e ho scoperto che recentemente Tuci ha realizzato anche dei videoclip - fra i quali anche quelli delle due canzoni che vi ho citato poco sopra.
Ecco, li ho guardati. Un po' mi è venuto da ridere, perché sono divertenti e molto camp - per non dire trash. Un po' mi sono sentito quasi offeso, perché sbeffeggiano dei personaggi dei cartoni che non ho mai guardato ma ai quali mi sono affezionato per interposta sigla.
Vi va di farvene un'idea? Qui sotto trovate prima la versione originaria, poi la "versione Tuci", di entrambe le sigle. A vostro rischio e pericolo, s'intende... (fz)

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.