Glastonbury festival: firmato un accordo per non spostarlo da Worthy Farm

Dopo l'annuncio del cartellone degli artisti che si esibiranno nell'edizione 2017 del festival di Glastonbury, giunge una notizia che mette a tacere le voci di un possibile cambio di location dell'evento.

 Emily Eavis, organizzatrice della manifestazione, ha infatti comunicato di aver chiuso un contratto che consentirà al festival di restare a Worthy Farm per altri 17 anni; l'accordo è stato stilato con un proprietario terriero dell'area, che ha acconsentito - evidentemente dietro un compenso non trascurabile - a concedere la location per l'evento annuale.

La Eavis ha sottolineato:

il festival di Glastonbury resterà qui e speriamo di continuare così. Siamo riusciti a mandarlo avanti per molto tempo e vogliamo che duri ancora.

Quest'anno il festival si tiene dal 21 al 25 giugno.

I talk show di Rockol per la Milano Music Week: “Il ticketing”
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.