Industria musicale in Italia nel 2016: boom di streaming e vinile, calano CD e download

Industria musicale in Italia nel 2016: boom di streaming e vinile, calano CD e download

E' stato il formato "di mezzo", quello né troppo innovativo né troppo tradizionale, a non dare soddisfazioni all'industria musicale italiana nel 2016: è quanto si evince dai dati diffusi oggi dalla FIMI relative al consumo di musica nel nostro Paese negli ultimi dodici mesi.

Secondo i dati raccolti ed elaborati dall'agenzia Deloitte per conto della Federazione Industria Musicale Italiana, a fare la parte del leone - nella discografia che lentamente si sta riprendendo da una crisi decennale - è lo streaming: se nel 2015 piattaforme come Spotify, Deezer e TIMmusic avevano fatto segnare un balzo in avanti del 21%, nel 2016 la performance del più liquido dei formati è ulteriormente migliorata, con un incremento annuo di 30 punti percentuali.

Ancora meglio, anche se riferito solo a una nicchia di mercato, è stata la prestazione registrata dal vinile: pur fruttando solo 10 dei 149 milioni di euro incassati dal comparto l'anno passato, lp e 45 giri sono cresciuti del 52%.

Al contrario, il formato fisico più comune - il CD - e il download, che fino a pochi anni fa era indicato da più parti come il futuro dell'industria musicale, confermano il trend negativo già mostrato nel 2015, con cali rispettivi di 8 e 24 punti percentuali.

Al sorpasso storico ancora non siamo arrivati, quindi, anche se i tempi paiono ormai essere maturi: il segmento fisico nel 2016 ha occupato il 52% del mercato, ma le tendenze impongono alla discografia di guardare avanti.

"La forte differenza tra i ricavi da video streaming e audio lascia ancora emergere il tema del value gap con piattaforme come YouTube, sulla quale vengono realizzati miliardi di stream", ha dichiarato il presidente della FIMI Enzo Mazza, riferendosi a un sondaggio realizzato lo scorso anno da Ispsos Connect secondo il quale l'89% degli italiani utilizza il gigante del media sharing per ascoltare i propri artisti preferiti, "ma che genera pochissimi centesimi per gli aventi diritto a causa di un baco normativo comunitario. Se l’Europa attribuisse una connotazione giuridica univoca per piattaforme come Spotify, Deezer o Youtube, i ricavi generati dal video sharing potrebbero anche raddoppiare". E il sorpasso storico, di conseguenza, diventerebbe un dato di fatto...

Dall'archivio di Rockol - 1991, l'ultimo anno d'oro del rock
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.