NEWS   |   Pop/Rock / 18/03/2017

Ofenbach, il duo che unisce elettronica, folk e rock - VIDEO

Ofenbach, il duo che unisce elettronica, folk e rock - VIDEO

Si chiamano Ofenbach, vengono da Parigi e sono considerati i nuovi astri nascenti della musica elettronica francese. Il duo, composto da César Laurent de Rumel e da Dorian Lauduique, dopo aver riscosso un discreto successo in Francia grazie ad un paio di singoli, sta ora scalando le classifiche anche di altri paesi europei - Italia compresa - con "Be mine".

César Laurent de Rumel e da Dorian Lauduique si sono conosciuti tra i banchi di scuola (frequentavano lo stesso college) e hanno condiviso sin da subito la passione per la musica. Dopo alcuni esperimenti, i due ragazzi hanno capito di voler fare di quella passione un mestiere e hanno interrotto gli studi per dedicarsi completamente alla musica: "Abbiamo sempre voluto fare musica e non perché cercavamo la notorietà. Abbiamo sempre sentito il bisogno di esprimerci attraverso la nostra musica", spiegano loro, oggi.

Gli Ofenbach hanno cominciato a fare le cose sul serio più o meno due anni fa, remixando canzoni pop di successo come "Hold back the river" di James Bay e "Feel the vibe" di Bob Sinclair. Hanno rivisitato anche la rivisitazione di Walter Murphy della "Sinfonia n. 5" di Beethoven, dal film "La febbre del sabato sera", cult del 1977 firmato dal regista John Badham con protagonisti John Travolta e Karen Lynn Gorney. Dunque sono arrivate le prime canzoni firmate dai due ragazzi, come "What I want" e "You don't know me", pubblicate per alcune etichette indipendenti.







Questi "esperimenti" non solo hanno portato gli Ofenbach ad esibirsi dietro la console sui palchi di festival come l'Electroshock e The Nigh Erdre, ma hanno anche attirato l'attenzione di Warner Music, che ha messo sotto contratto il duo. "Be mine" è la prima anticipazione di quello che sarà l'album di debutto degli Ofenbach, di prossima pubblicazione: la canzone mischia sonorità folk e country ad altre più elettroniche e dance. La cifra stilistica degli Ofenbach è proprio questa: il combinare tra loro sonorità elettroniche e dance con spunti talvolta folk, talvolta country, talvolta rock.

Il testo, scritto dall'autrice Gabriella West, riprende uno dei luoghi comuni più frequenti nei testi delle canzoni dance: un ragazzo vede una ragazza ballare in discoteca e vuole portarsela a letto ("Stand up in the club, come on let's go. And I want you to come, I won't let you go": "In piedi in discoteca, dai andiamo... Io voglio che tu venga e non ti lascerò andare"). La musica è stata composta dagli stessi César Laurent de Rumel e da Dorian Lauduique: il brano è caratterizzato da un riff di chitarra western che viene incollato a mo' di loop sopra una base elettronica.

La copertina del singolo è una citazione della copertina dell'album "Born in the USA" di Bruce Springsteen. Protagonista dell'immagine è il lato b di una donna, girata di spalle, che indossa un paio di jeans e una t-shirt bianca. Al posto del cappellino rosso che il Boss teneva nella tasca posteriore dei jeans sulla copertina del suo album, sulla copertina del singolo degli Ofenbach troviamo una bandana rossa legata ai jeans della ragazza: quella bandana richiama il cosiddetto "Codice Hanky", o se preferite "codice del fazzoletto", che è un sistema di segnalamento impiegato di solito da uomini gay in cerca di sesso occasionale per indicare le loro preferenze sessuali attraverso il colore del fazzoletto-bandana e alla posizione in cui viene indossato.

https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/osDh9wCepoloea77lg2_1sx4r0s=/700x0/smart/http%3A%2F%2Fwww.rockol.it%2Fimg%2Ffoto%2Fupload%2Fbe-mine.jpg
Nel video di "Be mine" i due ragazzi sono legati entrambi ad una sedia, imbavagliati e impossibilitati a muoversi, mentre una bella ragazza si prende gioco di loro, provocandoli con pose sensuali, per poi liberarli ed avere un rapporto con entrambi (che, tuttavia, non ci viene mostrato con immagini esplicite).

Scheda artista Tour&Concerti
Testi