Ed Sheeran apre il tour mondiale a Torino: la recensione

Ed Sheeran apre il tour mondiale a Torino: la recensione

Dopo due anni di stop dai concerti, Ed Sheeran è tornato a solcare nuovamente il palco con il tour mondiale che segue l’uscita del suo terzo album, “÷ (Divide)”. L’Italia è stata scelta come punto di partenza del tour, con due date al Pala Alpitour di Torino; stracolmo di fan trepidanti, pronti ad accogliere il loro tanto amato cantautore britannico, con molte gente rimasta accampata per ore fuori, in attesa.

Dopo la performance degli artisti d’apertura, Ryan McMullan e Anne-Marie (volto ormai noto grazie a “Rockabye” singolo a cui a partecipato in collaborazione con i Clean Bandit e Sean Paul), Ed arriva sul palco alle 20.30 e anima immediatamente la serata con uno dei suoi nuovi singoli: “Castle on the hill”.

Al termine della prima canzone spende qualche parola: “Sono passati due anni dal mio ultimo concerto. Sono piuttosto nervoso”, racconta. Pochi istanti dopo inizia una travolgente performance di “Eraser” in cui, come praticamente in ogni suo pezzo, i è presente del testo rappato. Saranno pure passati due anni dall’ultimo concerto, ma Ed non sbaglia un colpo.

Ma Sheeran non avrebbe mai potuto dimenticare i successi che l’hanno reso un artista di successo mondiale. Alle prime note di “The A Team” un grande boato d’approvazione si leva dal pubblico, che ha immediatamente acceso le luci dei telefoni per riprendere e fotografare. Bella la performance di “Don’t”, fatta evolvere in un mash-up con uno dei suoi nuovi brani, “New Man”.  Il cantante ha incantato e ammutolito con il dolce arpeggio di “Lego House”, la scenografia ha accompagnato “I’m a mess” con un’esplosione di colori”. Gli schermi che avvolgono il palco e si illuminano ad ogni brano  - opera di Mark Cunniffe , già al lavoro con Madonna e U2 - sono uno dei punti di forza dello show. Ed Sheeran tiene alla perfezione il palco con una chitarra e una loop station, ma l’interazione con la scenografia rende l’esperienza del concerto ancora più immersiva.

https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/D9YRASuDuxczGa0zCCai1nxTRmM=/700x0/smart/http%3A%2F%2Fwww.rockol.it%2Fimg%2Ffoto%2Fupload%2Fed-sheeran-07.jpg

Brani come “Bloodstream” e “You need me, I don’t need you” hanno infuocato il palco; “Photograph” e “Thinking out loud” hanno nuovamente cullato i presenti in quell’agrodolce disperazione a cui ci ha tanto abituato il rosso e “Sing” ha fatto ballare l’intero palazzetto, dal parterre alle tribune.

Dal nuovo disco il cantante si è esibito con “Happier”, che con il suo testo struggente ha portato i fan a battere le mani a tempo versando qualche lacrima, la dirompente “Galway Girl”, “How would you feel (Paean)” insieme ad Haston Miranda e la sua tastiera (è stato l’unico altro musicista ad accompagnare Ed durante un pezzo), “Perfect” e “Shape of you” coreografata dal pubblico con tanti palloncini azzurri.

Merita una menzione speciale “I see fire”: si è aperta con una mini-cover di “Human”, il brano che ha reso famoso Rag’n’Bone Man, ed è stata eseguita con una carica disarmante accompagnata da immagini sugli schermi che sembravano porre Ed fra le fiamme.

Il concerto si è concluso su “What do I know?”, anch’esso parte di “÷ (Divide)”, con il cantautore che esortava i fan a continuare a cantare (insieme a lui ovviamente) anche a musica finita, per poi salutare e scendere dal palco. Tre assenti dal nuovo album sono state invece “Nancy Mulligan”, “Hearts don’t brake around here” e “Barcelona”, ma il grande spettacolo che il cantante ha saputo mettere in piedi li ha presto portati a perdonarlo per la mancanza.

Insomma, Ed Sheeran è l’uomo dei record delle classifiche, ma dal vivo ha dimostrato ancora una volta che il successo si basa sul duro lavoro, sul sapere scrivere canzoni e saperle eseguire in maniera coinvolgente. E il nuovo palco ha reso tutto ancora più spettacolare.

(Barbara Nido)

 

SCALETTA

Castle on the hill
Eraser
The a team
Don't in mash up con new man
Lego house
I'm a mess
Happier
Galway girl
How would you feel (paean)
I see fire mash up con humans rag n bone photograph
Perfect
Bloodstream
Thinking out loud
Sing
Shape of you
You need me, I don't need you
What do I know?

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
FRANCESCO DE GREGORI
Scopri qui tutti i vinili!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.