NEWS   |   Industria / 15/03/2017

Ed Sheeran in UK e il paradosso dello streaming nelle chart. Enzo Mazza (FIMI): 'A un problema globale risposte globali'

Ed Sheeran in UK e il paradosso dello streaming nelle chart. Enzo Mazza (FIMI): 'A un problema globale risposte globali'

L'exploit di "÷ (Divide)", il nuovo album di Ed Sheeran, nella chart dei singoli inglese - con tutti i sedici brani inclusi nel disco ad occupare più dei tre quarti della top 20 d'oltremanica - ha sollevato un problema che presto potrebbe contagiare l'industria discografica mondiale: come conteggiare le vendite nell'epoca del mercato ibrido, con uno streaming in fortissima ascesa, un fisico ridimensionato ma duro a morire e un download in netto calo?

Appurato che il caso Sheeran ha clamorosamente svelato le criticità degli attuali sistemi di rilevamento - basati sulla conversione di tot passaggi streaming in una vendita singola, al fine di compilare una classifica unica che raggruppi entrambe le modalità di fruizione - cosa aspettarsi nel prossimo futuro sul versante conteggi?

"Una premessa è doverosa: il tema delle classifiche a livello mondiale è in profonda analisi e anche l'IFPI [International Federation of the Phonographic Industry, associazione di categoria internazionale dell'industria musicale, ndr] sta lavorando per interpretare meglio le evoluzioni del mercato", spiega a Rockol il presidente della Federazione Industria Musicale Italiana Enzo Mazza: "Nel Regno Unito l'ascolto compulsivo sulle piattaforme streaming degli album dei big sta facendo scomparire dalla top 20 dei singoli i nomi degli artisti emergenti. Per questo è stata avviata una generale riconsiderazione di tutte le modalità di rilevamento, soprattutto alla luce dell'insufficienza del rate di conversione".

"Ci sono poi diversi aspetti da considerare", prosegue Mazza: "Andando verso un mercato che sarà per la quasi totalità rappresentato dallo streaming, è bene valutare attentamente gli strumenti che abbiamo a disposizione: c'è il tema del cap [sorta di tetto massimo] per gli ascolti ripetuti, oppure quello della distinzione tra ascolti free e a pagamento".

"Il mercato dello streaming è globale, e fortemente influenzato dall'industria statunitense, che con la playlist è in grado di pilotare anche i mercati extra-americani: le grandi aziende ormai agiscono secondo tattiche di marketing multilocal, e le chart ormai sono lo specchio di ciò che sta succedendo. Le classifiche dei singoli sono ormai congelate dall'ascolto compulsivo sulle piattaforme streaming".

"Ci sono molte analisi in corso", conclude Mazza: "Da luglio vogliamo introdurre lo streaming nella classifica FIMI degli album: GFK [la società di rilevamento che compila le chart diffuse da FIMI, ndr] ci sta lavorando: vogliamo che questo rilevamento abbia standard internazionali, e sia il più affidabile possibile".

Scheda artista Tour&Concerti
Testi
BOB DYLAN
Scopri qui tutti i vinili!