Ed Sheeran in UK e il paradosso dello streaming nelle chart. Enzo Mazza (FIMI): 'A un problema globale risposte globali'

Ed Sheeran in UK e il paradosso dello streaming nelle chart. Enzo Mazza (FIMI): 'A un problema globale risposte globali'

L'exploit di "÷ (Divide)", il nuovo album di Ed Sheeran, nella chart dei singoli inglese - con tutti i sedici brani inclusi nel disco ad occupare più dei tre quarti della top 20 d'oltremanica - ha sollevato un problema che presto potrebbe contagiare l'industria discografica mondiale: come conteggiare le vendite nell'epoca del mercato ibrido, con uno streaming in fortissima ascesa, un fisico ridimensionato ma duro a morire e un download in netto calo?

Appurato che il caso Sheeran ha clamorosamente svelato le criticità degli attuali sistemi di rilevamento - basati sulla conversione di tot passaggi streaming in una vendita singola, al fine di compilare una classifica unica che raggruppi entrambe le modalità di fruizione - cosa aspettarsi nel prossimo futuro sul versante conteggi?

"Una premessa è doverosa: il tema delle classifiche a livello mondiale è in profonda analisi e anche l'IFPI [International Federation of the Phonographic Industry, associazione di categoria internazionale dell'industria musicale, ndr] sta lavorando per interpretare meglio le evoluzioni del mercato", spiega a Rockol il presidente della Federazione Industria Musicale Italiana Enzo Mazza: "Nel Regno Unito l'ascolto compulsivo sulle piattaforme streaming degli album dei big sta facendo scomparire dalla top 20 dei singoli i nomi degli artisti emergenti. Per questo è stata avviata una generale riconsiderazione di tutte le modalità di rilevamento, soprattutto alla luce dell'insufficienza del rate di conversione".

"Ci sono poi diversi aspetti da considerare", prosegue Mazza: "Andando verso un mercato che sarà per la quasi totalità rappresentato dallo streaming, è bene valutare attentamente gli strumenti che abbiamo a disposizione: c'è il tema del cap [sorta di tetto massimo] per gli ascolti ripetuti, oppure quello della distinzione tra ascolti free e a pagamento".

"Il mercato dello streaming è globale, e fortemente influenzato dall'industria statunitense, che con la playlist è in grado di pilotare anche i mercati extra-americani: le grandi aziende ormai agiscono secondo tattiche di marketing multilocal, e le chart ormai sono lo specchio di ciò che sta succedendo. Le classifiche dei singoli sono ormai congelate dall'ascolto compulsivo sulle piattaforme streaming".

"Ci sono molte analisi in corso", conclude Mazza: "Da luglio vogliamo introdurre lo streaming nella classifica FIMI degli album: GFK [la società di rilevamento che compila le chart diffuse da FIMI, ndr] ci sta lavorando: vogliamo che questo rilevamento abbia standard internazionali, e sia il più affidabile possibile".

Scheda artista Tour&Concerti Testi
PROG ITALIANO
Scopri qui tutti i vinili!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.