Secondary ticketing, giro di vite del governo inglese: multe illimitate a chi usa i bot

Secondary ticketing, giro di vite del governo inglese: multe illimitate a chi usa i bot

Dopo il governo statunitense, anche quello britannico ha emanato un provvedimento mirato a punire gli utilizzatori di ticket bot, le automazioni informatiche che permettono ai bagarini online di bombardare i siti operanti sul mercato ufficiale di richieste di acquisto di biglietti da rivendere poi sulle piattaforme di secondary ticketing: accogliendo le osservazioni del professor Michael Waterson, consulente nominato dal Ministero a Cultura, Informazione e Sport presieduto da Matt Hancock, le camere hanno approvato un emendamento al Digital Economy Bill che permetterà di comminare multe di "importo illimitato" a quanti siano stati colti a fare incetta di titoli di ingresso utilizzando software per l'acquisto seriale.

E non è tutto: nel provvedimento - comunque meno severo di quello proposto in sede di discussione, che avrebbe reso l'utilizzo dei bot un reato penale punibile con carcere - si invitano da una parte gli operatori sul mercato primario a rafforzare le misure anti-bot e a rendere più trasparenti i rendiconti delle vendite, e dall'altra gli operatori sul mercato secondario a isolare gli speculatori professionisti dai privati cittadini intenzionati a rivendere occasionalmente un biglietto.

"Queste pratiche sono semplicemente scorrette", ha osservato il ministro Hancock: "Ecco perché ci siamo attivati per mettere i veri fan davanti a tutto e per aumentare le possibilità di vedere dal vivo le proprio star musicali e sportive preferite a un prezzo ragionevole".

Nel Regno Unito, lo scorso 20 febbraio, aveva fatto scalpore la mossa di Viagogo, uno dei principali portati di secondary ticketing operanti in Europa, che aveva suggerito ai propri clienti come eludere le misure anti-bagarinaggio del Teenage Cancer Trust, ente organizzatore di un concerto benefico di Ed Sheeran a favore dei pazienti oncologici più giovani per il quale la società con sede in Svizzera vendeva biglietti a oltre trenta volte il prezzo nominale.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.