Phil Collins, scrive la figlia Lily: "Non sei stato il padre che mi aspettavo, ma ti perdono"

Phil Collins, scrive la figlia Lily: "Non sei stato il padre che mi aspettavo, ma ti perdono"

Essere la figlia di una rockstar nonostante alcuni non trascurabili vantaggi, non deve essere per niente facile. Nella letteratura di quanti hanno avuto più di un problema e più di una difficoltà con un illustre genitore vi è anche la figlia di Phil Collins, Lily.

 

Lily Collins ha pubblicato una lettera aperta dove ha ammesso che Phil non è stato "il padre che mi aspettavo", aggiungendo però: "Perdono gli errori che hai fatto. E anche se può sembrare che sia ormai troppo tardi, non lo è. C'è ancora tanto tempo per fare passi in avanti."

 

Lily è l’unica figlia nata, nel 1989, dal matrimonio dell’ex Genesis con l’antiquaria Jill Tavelman durato dal 1984 al 1996. La sua lettera fa parte di una sua raccolta di saggi intitolata “Unfiltered: No Shame, No Regrets, Just Me”.

 

Quando Collins e la Tavelman si separarono Lily aveva 5 anni e si trasferì con la madre a Los Angeles, da quel momento in poi ha visto suo padre solo durante le vacanze scolastiche. Quella separazione l’ha portata a una vita di persistente insicurezza. Scrive Lily: "Tutti facciamo delle scelte e, se non scuso alcune delle tue, alla fine della giornata non possiamo riscrivere il passato. Sto imparando ad accettare le tue azioni e ad accettare come mi hanno fatto sentire. Accetto la tristezza e la rabbia che sentivo verso le cose che hai fatto o che non hai fatto, che mi hai dato o che non mi hai dato."

 

In altre parti della sua lettera ricorda i suoi disturbi alimentari generati in parte anche dallo stress dalla successiva separazione di suo padre da Orianne Cevey nel 2008. "Non sono riuscita a gestire il dolore e la confusione susseguente al divorzio di mio padre”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.