NEWS   |   Pop/Rock / 23/03/2019

Damon Albarn: la carriera del leader di Blur e Gorillaz in 10 episodi chiave - VIDEO (1 / 11)

Damon Albarn: la carriera del leader di Blur e Gorillaz in 10 episodi chiave - VIDEO

Negli anni Novanta è stata la faccia pulita della Cool Britannia che il fato - o, meglio, la propaganda dei media - ha contrapposto a quella cattiva e strafottente (ma non meno affascinante) di Liam Gallagher durante quella che è passata alla storia come la Battle of Britpop. Poi è diventato lo sperimentatore, capace di voltare le spalle al mainstream buttandosi anima e corpo nelle contaminazioni con hip hop ed elettronica. E poi ancora l'esploratore, che prende armi a bagagli e va in Africa a registrare un disco world, e il riscopritore di glorie dimenticate - Paul Simonon dei Clash ne sa qualcosa, l'attivista, l'autore di musical e chissà cos'altro.

Eppure Damon Albarn di vite non ne ha avute tante, ma solo una, quella di un artista genuino che non ha mai avuto paura di reinventarsi, anche a costo di rimetterci, e di sfuggire al cliché che l'avrebbe comodamente incoronato padre nobile togliendogli ogni pensiero in materia di ego e contabilità: per festeggiare il suo compleanno, che ricorre oggi - è nato il 23 marzo 1968 -, abbiamo deciso di ripercorrere la carriera del frontman di Blur e Gorillaz prendendo in esame quelli che - per noi - sono i dieci passaggi chiave della sua carriera.

Lui, che in "Birthday" cantava "I don’t like this day/ It makes me feel too small", ci perdonerà: ai tempi di "Leisure", nel 1991, sentirsi troppo piccoli spegnendo le candeline era una scusa che poteva anche permettersi. Oggi, decisamente, no. Quindi tanti auguri, Damon. (continua)