Max Weinberg parla di Bruce Springsteen e dell'ultimo tour: "Ci ha chiamato dicendo, 'Sto pensando di promuoverlo un poco', abbiamo fatto 89 concerti"

Max Weinberg parla di Bruce Springsteen e dell'ultimo tour: "Ci ha chiamato dicendo, 'Sto pensando di promuoverlo un poco', abbiamo fatto 89 concerti"

Il “The River tour” dopo tredici mesi e 89 concerti si è concluso a Auckland, in Nuova Zelanda, il 25 febbraio. Rolling Stone Usa non ha perso tempo e ha disturbato il batterista della E Street Band Max Weinberg per parlarci un po’ sopra.

 

Tra le altre domande viene chiesto a Mighty Max se sia stato convocato per il tour di “The river” senza grande preavviso, lui risponde:

“Sì, Bruce ci ha chiamato subito dopo l’Halloween del 2015 e ha detto che aveva un'idea. Sapevamo che stava per uscire il box di “The river”. Ci ha chiamato e ci ha detto: ‘Sto pensando di promuoverlo e di suonarlo un poco'. Io dissi, ‘Certo, grande’. Sono diventati 89 concerti. Questo è fondamentalmente il modo in cui abbiamo lavorato negli ultimi 40 anni. Il programma è quello di fare 15 oppure 30 concerti, ma una volta che iniziamo non sono mai 15 o 30. Sono molti, molti di più.”

 

Il giornalista di Rolling Stone dice a Weinberg che a fine concerto pensa spesso come abbia fatto ad arrivare fino alla fine. Lui risponde:

“Beh, apprezzo il pensiero. Non mi stanco. E’ una cosa divertente. Posso usare una analogia sportiva per spiegarlo. Ho incontrato un paio giocatori dei vecchi Chicago Bulls e una delle cose che dicono sempre è che quando giochi con Michael Jordan è un'esperienza completamente diversa che giocare con qualsiasi altro. Alza il livello del gioco di tutti. Questo è quello che accade anche con Bruce. Il mio corpo si è adattato nel corso degli anni, anche se ho avuto un intervento al cuore, un’operazione per il cancro e un intervento alla mano, il mio corpo, dicono i miei medici, si è adattato allo stress di dover fare quel tipo di lavoro per quattro ore.”

 

Al riguardo sui piani futuri, Weinberg risponde:

“Non ne ho idea. Non ci ho nemmeno pensato. Davvero non lo so. Abbiamo suonato l’altra sera a Auckland. Spero di suonare ancora, ma non organizzo la mia vita pensando a quello. Faccio quel che faccio. Tocca a Bruce e se tutti ce la facciamo fisicamente allora lo facciamo. Fino ad ora tutto bene. Penso che siamo come i vecchi bluesmen che continuano sempre a suonare. Cos’altro dovremmo fare? Suonare la batteria è la mia vita. Quando sono seduto a suonare la batteria ho ancora 14 anni. Quella è la mia ricompensa. Sono molto, molto fortunato. Mi guardo intorno, vedo la band e la cosa mi ispira ogni notte. Bruce in piedi di fronte a me oppure quando mi si avvicina e dice qualcosa mentre beve un bicchiere d'acqua, mi ispira. Spero proprio che si faccia ancora qualcosa insieme, ma non ho la sfera di cristallo.”

Caricamento video in corso Link
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.