Diritto d'autore, l'Italia recepisce (in ritardo) la direttiva Barnier: ammessi altri soggetti oltre a SIAE, ma...

Diritto d'autore, l'Italia recepisce (in ritardo) la direttiva Barnier: ammessi altri soggetti oltre a SIAE, ma...

Il Consiglio dei Ministri riunitosi venerdì 3 marzo ha approvato il decreto di recepimento della direttiva Barnier, provvedimento elaborato dalla Commissione Europea che ha come scopo quello di modernizzare il mercato dei diritti d'autore dei paesi UE.

Come si legge nella delibera pubblicata sul sito ufficiale del governo, l'approvazione del cdm - fatta su proposta del Ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini - permetterà agli autori di scegliere a chi affidare la gestione dei propri diritti, che potranno andare tanto ad altre società nazionali operanti nella Comunità Europea (come, ad esempio, la francese Sacem, con la quale SIAE è già alleata per mezzo della piattaforma Sharon) o a entità private come Soundreef, pur riconoscendo alla Società Italiana di Autori ed Editori l'esclusiva nelle operazioni di collecting sul territorio nazionale.

Una decisione apparentemente contraddittoria, che - molto probabilmente, e come già ipotizzato mesi fa - non sbroglierà la matassa già apparsa molto ingarbugliata durante la settimana sanremese, quando SIAE e Soundreef si affrontarono indirettamente riguardo la riscossione dei diritti d'autore degli artisti in gara all'Ariston appartenenti alla scuderia di Davide D'Atri: a incassare le royalties, secondo quando stabilito dal cdm, sarà ancora la SIAE (che, pure, dovrà introdurre "nuove regole di trasparenza"), ma solo dietro espresso mandato dell'eventuale società terza sceltà dall'autore. Mandato che, per esempio, Soundreef non ha alcuna intenzione di concedere.

In sostanza, rispetto a prima è cambiato pochissimo: lo Stato italiano ora riconosce il diritto di esistere ad altre società (pubbliche o private) di collecting e il diritto agli autori a rivolgersi ad esse, ma riconosce alla sola SIAE il diritto ad essere operativa nel nostro Paese, di fatto costringendo i nuovi soggetti ad alleanze con la Società Italiana di Autori ed Editori.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.