Mariah Carey: scandalo mazzette ai concerti della cantante, otto condannati

Mariah Carey: scandalo mazzette ai concerti della cantante, otto condannati

Nel 2006, Mariah Carey tenne in Tunisia due concerti i cui proventi avrebbero dovuto essere devoluti ad un fondo di solidarietà, il National Solidarity Fund: il ricavato dalla vendita dei biglietti dei due spettacoli della popstar americana, però, finì altrove.

Per questo motivo, un tribunale di Tunisi ha condannato a sei anni di carcere per corruzione e appropriazione indebita l'ex presidente tunisino Zine el Abidine Ben Ali, che secondo i giudici sarebbe stato coinvolto nella vicenda e che è fuggito in Arabia Saudita in seguito alla rivoluzione dei Gelsomini, così com'è stata ribattezzata la rivoluzione tunisina del 2010.

Oltre all'ex presidente, riferiscono alcuni media tunisini, sono state condannate altre sette persone: tra queste anche il nipote dell'ex moglie del presidente tunisino ed alcuni ex ministri.

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.