Comunicato Stampa: The Soundtrack of our lives e Colour of fire a Milano

Comunicato Stampa: The Soundtrack of our lives e Colour of fire a Milano
La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

MARTEDI’ 23 NOVEMBRE
@ RAINBOW CLUB - MILANO

THE SOUNDTRACK OF OUR LIVES + COLOUR OF FIRE

DOPPIO LIVE DI QUALITA’, SUL PALCO IL GRUPPO SVEDESE TRA I PIU’ SEGUITI DELLA SCENA ROCK SCANDINAVA, PRESENTERANNO IL LORO NUOVO DISCO “ORIGIN I” (WARNER), IN APERTURA LA NUOVA SPERANZA DEL ROCK BRITANNICO CHE PRESENTERA’ L’ALBUM “PEARL LACKNACE” (PIAS/SELF)

E’ un doppio appuntamento live che unisce due gruppi in Italia per promuovere i loro nuovi lavori in studio, un doppio live che mette a confronto il “guitar-rock” dei TSOOL e quello britannico dei Colour of Fire.
The Soundtrack of Our Lives (www.thesoundtrackofourlives.net ) arrivano in Italia presentando il loro quarto album in studio “Origine I”, 12 pezzi che proseguono il percorso di questo gruppo svedese che unisce rock di ottima fattura tra psichedelia, pop e rock alla Ac/Dc, un gruppo che nasce a Goteborg nel 1995 alla fine di quella parabola musicale chiamata “New Wave” scandinava, i fondatori dei TSOOL, Ebbot Lundberg (voce) e Bjorn Olsson (chitarra) sono stati i fomentatori, musicalmente e culturalmente, di quella fase che, durante gli anni ’80 ha portato la musica svedese fuori dai confini nazionali/territoriali.
I Tsool hanno alle tre dischi composti a più mani, tutti i membri del gruppo infatti sono songwriters, tutti eccetto il batterista Fredrik Sandsten, che però suona con molte altre band scandinave ed è considerato tra il migliore drummer della regione.
il primo album è del 1996 “Welcome to the Infant Freebase”, che dalla critica viene accolto molto bene, un disco suonato a cavallo del pop e del rock’n’roll, il seguente “Behind the Music” li impone all’attenzione del pubblico europeo, soprattutto grazie alle parole di Noel Gallagher degli Oasis che lo definisce “il migliore degli ultimi 6 anni” e decide di portare in tour i TSOOL che hanno così la possibilità di aprirsi ad un vastissimo pubblico.
Ad Ottobre di quest’anno è uscito il 4* album con 12 canzoni, i TSOOL ne avevano in cantiere 18 ed hanno già annunciato una “part 2”.
Sono probabilmente gli unici degni eredi dei Muse, i Colour Of Fire (www.colouroffire.co.uk) si affacciano al terzo millennio in punta di piedi, iniziando dalla provincia britannica e arrivando all’Europa e chissà forse oltreoceano, un po’ come successe anni fa a Matthew Bellamy e soci, ora ci sono i Color Of Fire e come garanzia musicale sfoggiano il loro disco “Pearl Necklace”, un album che viene recensito ottimamente sia oltremanica sia in Italya.
La loro vita artistica inizia nello York nel 2002 quando il gruppo si forma su decisioni di Stuart e Owen, producono un demo stampato in sole 100 copie che viene addirittura programmato per due week end sulle frequenze della BBC.
Fin da subito quindi l’orecchio degli addetti ai lavori si sintonizza su questo quartetto giovane giovane e di belle promesse. Dopo alcuni singoli, quest’anno, nel mese di aprile, c’è stato il lancio di un Ep, “The Exile” che è stato un po’ un traino per l’uscita dell’LP “Pearl Necklace”. Un disco che esplica in maniera pressoché perfetta le grandi capacità musicali del quartetto, un album in cui sono evidenti i gusti di Stuart e soci, il rock di Placebo e Muse su tutti ma anche sonorità che si rifanno a gruppi come Nirvana, Suede, Faith No More e molti altri

Prezzo del biglietto 13 € Inizio concerto: ore 22.00

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.