Ministry of Sound: l'etichetta dance sbarca in Italia con una compilation

Ministry of Sound: l'etichetta dance sbarca in Italia con una compilation

Sbarca in Italia, nella scuderia di Sony Music, Ministry of Sound. L'etichetta britannica, nota agli appassionati di musica dance ed elettronica, è stata acquistata lo scorso agosto dal colosso nippo-americano per 67 milioni di sterline, circa 80 milioni di euro (stando a quanto rivelato da Music Business Worldwide) e il prossimo 3 marzo uscirà il primo disco per il mercato italiano.

Si tratta della versione nostrana della compilation "Clubbers guide", che raccoglie alcuni dei brani più blastonati degli ultimi mesi: da "Give me your love" (Sigala, John Newman e Nile Rodgers), "Living" (Bakermat), "Finder" (Ninetoes), "Just say" (KDA e Tinashe).

Nel disco ci sarà anche "Am I wrong", una canzone del dj e producer milanese Jordan Brown, primo artista italiano ad essere pubblicato da Ministry Of Sound Italia. E nella tracklist della compilation troverà spazio anche "Restless" di Louis Berry.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.