Storielle rock: ma chi ha dato il nome ai Led Zeppelin?

Storielle rock: ma chi ha dato il nome ai Led Zeppelin?

A proposito di come nascono i nomi dei gruppi musicali, vi raccontiamo la storiella che riguarda i Led Zeppelin. Il responsabile di tale denominazione è il batterista degli Who Keith Moon.

 

Accadde che il vulcanico ‘Moonie’ stesse parlando con Jimmy Page, quando ancora il chitarrista stava mettendo insieme la band, sentiti i nomi che Page voleva coinvolgere nell'impresa Moon gli disse: “Con quella formazione, precipiterai come un dirigibile di piombo” (‘With that lineup, you’ll go down like a lead zeppelin’).

 

Qualche tempo dopo a Page tornò in mente quello scambio di battute, allora pensò bene di togliere la lettera ‘a’ da ‘lead’, ed ecco che il nome di una delle più famose rock band di tutti i tempi era cosa fatta.

 

E’ quanto meno divertente pensare che il nome di una rock band da leggenda gli sia stato dato – in un certo senso – dal membro di un’altra rock band da leggenda. E’ ironico anche rilevare che se c’era un gruppo che il chitarrista e leader degli Who Pete Townshend proprio non poteva sopportare quello era i Led Zeppelin.

 

Correva invece buon sangue tra i due batteristi delle band: il già citato Keith Moon e John Bonham. Due tra i più grandi rock ‘drummers’ di sempre accomunati dal talento e da una vita fatta di eccessi che li ha portati a lasciare anzi tempo la vita terrena. Moon infatti morì nel 1978 a soli 32 anni. Bonham se ne andò, per non essere da meno, anche lui all’età di 32 anni nel 1980. Entrambi nel mese di settembre. Quando si dice il destino.

 

Qui sotto un filmato dove si può vedere Keith Moon sul palco con i Led Zeppelin (più o meno dopo cinque minuti e mezzo)

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
Bob Dylan
Scopri qui tutti i vinili!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.