Secondary ticketing, negli USA è scontro tra Eric Church e StubHub

Secondary ticketing, negli USA è scontro tra Eric Church e StubHub

Sale, a livello internazionale, il livello del confronto tra artisti e società di secondary ticketing: a meno di una settimana dalla querelle tra Teenage Cancer Trust e Viagogo per i tagliandi del concerto benefico che Ed Sheeran terrà alla Royal Albert Hall di Londra il prossimo 28 marzo, le cronache internazionali registrano un'altra battaglia tra attori sul mercato prima e secondario.

Da una parte, questa volta, c'è Eric Church, nome poco noto in Europa ma estremamente popolare oltreoceano, dove è riconosciuto come uno degli esponenti di punta del mainstream country contemporaneo, e dall'altra StubHub, piattaforma secondary controllata da eBay che - sul mercato del Vecchio Continente - ha recentemente acquistato la società spagnola TicketBis.

L'artista, per evitare speculazione sugli ingressi del suo Holdin’ My Own Tour, ha fatto elaborare dal suo staff un software in grado di individuare - per mezzo di un controllo incrociato su dieci checkpoint virtuali disseminati lungo la procedura d'acquisto online - le transazioni effettuate per mezzo di bot sulle prevendite aperte sul suo sito ufficiale.

Il risultato? 25mila biglietti acquistati in transazioni sospette cancellati e posti liberi rimessi a disposizione a stretto giro sulla sua pagina ufficiale. "Gli speculatori verranno rimborsati", ha spiegato un portavoce di Church a CMT.com, "Da parte nostra, ci aspettiamo che loro facciano lo stesso coi loro clienti. Con chi si dedica a certe pratiche, però, non si puà mai sapere...".

La mossa della stella del country non è sfuggita a StubHub, che - per mezzo di un comunicato ufficiale fatto pervenire alla redazione di Billboard, ha dichiarato: "Nel raro caso in cui un biglietto di un nostro cliente non dovesse essere ritenuto valido, la nostra società di impegnerà a trovare un tagliando sostitutivo o a rifondere integralmente l'importo versato. Confidiamo nella nostra abilità di garantire ai nostri clienti l'accesso agli spettacoli".

Church non si è fatto spaventare, e ha tenuto il punto. In un post apparso sul suo sito ufficiale, il cantante ha voluto chiarire il senso dell'iniziativa: "Se tu attacchi briga con noi, noi lo facciamo con te. Ma se tu ti fai scudo coi nostri fan, beh, sappiamo chi sei e cosa fai, e ti raggiungeremo comunque, moltiplicando per dieci la vendetta".

Mentre negli USA la legislazione federale già include l'utilizzo di automazioni informatiche nella lista dei reati penali, in Italia le contromisure per arginare l'utilizzo dei ticket bot sono ancora affidate all'iniziativa delle singole società operanti sul mercato primario, in attesa del decreto attuativo che renderà operativo l'emendamento alla legge di stabilità 2017 presentato dal Ministro delle Attività Culturali Dario Franceschini.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.