Secondary ticketing, indignazione in UK: su Viagogo biglietti per un live di Ed Sheeran per i malati di cancro

Secondary ticketing, indignazione in UK: su Viagogo biglietti per un live di Ed Sheeran per i malati di cancro

L'opinione pubblica britannica si è detta disgustata dall'aver trovato in vendita su Viagogo, una delle principali piattaforme di secondary ticketing, i biglietti per una data che Ed Sheeran terrà il prossimo 28 marzo alla Royal Albert Hall di Londra in favore del Teenage Cancer Trust, ente benefico impegnato nell'assistenza dei pazienti oncologici più giovani: i tagliandi, il cui face value imposto dagli organizzatori è di 75 sterline, sono stati resi disponibili sul sito fondato da Eric Baker nel 2006 a prezzi che arrivano a 1750 sterline, per un costo complessivo all'eventuale acquirente di 2330 sterline, comprensive della commissione - 583 sterline - incassata dalla società con sede a Ginevra, in Svizzera.

"Crediamo che le uniche persone che debbano approfittare del Teenage Cancer Trust siano i ragazzini malati di tumore", ha spiegato l'associazione in un comunicato, che - per stroncare sul nascere questa odiosa forma di speculazione - ha imposto che il "lead booker", cioè la persona che ha effettuato a suo nome l'acquisto di uno o più biglietti, sui quali verrà stampato il suo nominativo, sia presente la sera dello show ai cancelli munito di documento di identità valido, pena l'annullamento del suo ingresso e di tutti quelli ad esso collegati.

Dal canto suo Viagogo ha risposto al fuoco spiegando, con un comunicato ufficiale, che "i compratori [sul mercato secondario] dei biglietti verranno accompagnati nella venue da venditori", proprio per eludere le misure anti-speculazione adottate dal Teenage Cancer Trust.

La contromossa della società di secondary ticketing ha scatenato l'ira della FanFair Alliance, gruppo di pressione nato per sensibilizzare pubblico e istituzioni sul problema della speculazione sulla vendita dei biglietti per gli spettacoli di musica dal vivo: "Così non solo Viagogo incoraggia i bagarini a vendere biglietti a prezzi gonfiatissimi, senza nemmeno versare una sterlina in beneficenza, ma addirittura cerca di aggirare le norme di vendita consigliando cosa fare ai propri clienti: tralasciando la ripugnanza morale di approfittare della sofferenza di giovani malati di cancro, questa pare una flagrante infrazione della legge sulla tutela dei consumatori, nonché un'altra buona ragione perché il governo intervenga quanto prima".

Il cantautore britannico aveva già avuto modo di esprimere il suo pensiero riguiardo le speculazioni del mercato secondario lo scorso 5 febbraio, quando - davanti ai sold-out istantanei dei suoi live nel Regno Unito fatti registrare a pochi minuti dall'apertura delle prevendite - aveva spiegato "opporsi con veemenza" ad ogni pratica speculativa, invitando i suo fan ad utilizzare la piattaforma Twickets per un eventuale scambio "etico" di biglietti.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
BLUES
Scopri qui tutti i vinili!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.