Pete Townshend e la sua spiccata antipatia per i Led Zeppelin

Pete Townshend e la sua spiccata antipatia per i Led Zeppelin

Led Zeppelin e Who sono indubbiamente state tra le migliori rock band mai esistite. I loro componenti sono leggendari. I loro batteristi – John Bonham e Keith Moon – hanno avuto in comune una perizia più unica che rara dietro i tamburi e, purtroppo, una prematura fine devastati da una vita vissuta sempre al massimo.

 

Il chitarrista degli Who Pete Townshend però non ha mai nascosto un leggero fastidio, vero o presunto, per il gruppo di Plant & Page. In più di una occasione si è espresso con parole poco lusinghiere nei confronti dei colleghi. Qui sotto ne riportiamo alcune.

 

Nel 2011 disse: “Non me ne frega un cazzo di fare soldi. Credo che la musica rock sia spazzatura. Io sono un genio! Gli Who erano a posto, ma senza di me sarebbero finiti a lavorare al mercato dei fiori, o peggio, come i Led Zeppelin".

 

Nel 1995 parlando dei Led Zeppelin si espresse così: “Non mi piace una sola cosa di ciò che hanno fatto. Odio il fatto che mi hanno sempre paragonato a loro. Non mi sono mai piaciuti. E’ un vero problema per me perché come persone penso che fossero veramente dei bravi ragazzi. Ma non mi è mai piaciuta la band. E non so se il problema è perché sono stati molte volte migliori degli Who, comunque non mi sono mai piaciuti".

 

Gli Who e i Led Zeppelin hanno condiviso lo stesso programma in concerto una sola volta, il 25 maggio 1969 al Merriweather Pavilion a Columbia (Maryland). Alla fine del set degli Who, Pete disse sarcasticamente al pubblico: "Vorremmo ringraziare i Led Zeppelin...per quello che hanno fatto questa sera."

 

 

E pensare che il nome ai Led Zeppelin glielo diede proprio Keith Moon…ma questa è un’altra storia.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.