La canzone che non manca mai a un concerto dei Red Hot Chili Peppers

Per pura curiosità, siamo andati a verificare qual è il brano più suonato dal vivo dalla band californiana.
La canzone che non manca mai a un concerto dei Red Hot Chili Peppers

Dal nostro osservatorio, qui e ora, può forse apparire strano affermare che c’è stato un tempo in cui il suono, ora immediatamente riconoscibile, quello che non appena accade di ascoltarlo lo si associa in un solo istante ai Red Hot Chili Peppers, ebbene, quel suono lì era un qualcosa di strano, di nuovo e, per molti, addirittura di ostico.

Ciò che ora è mainstream, nel 1984, quando la band pubblicò l’album di esordio “The Red Hot Chili Peppers”, non lo era proprio per niente. E’ una operazione paragonabile allo spiegare a un ventenne del giorno d’oggi che c’è stato un tempo (sì, proprio il 1984, quando uscì il primo album di Kiedis e soci può essere preso come esempio) in cui non esistevano i telefoni cellulari e per fare una fotografia – guarda un po’ che stranezza! - si aveva bisogno di una macchina fotografica.

Il suono e l’attitudine dei Red Hot Chili Peppers non attecchirono immediatamente. I primi quattro album servirono a gettare i semi, allargare, di volta in volta, la fanbase e aprire la strada verso il successo. Poi, nel settembre del 1991, la band californiana pubblica il quinto album.

Un capolavoro. Assoluto. Il suo titolo è “Blood Sugar Sex Magik”. Tutto è perfetto in questo doppio disco, a partire dal titolo. Anthony Kiedis, Flea, John Frusciante e Chad Smith si consegnano alla fama imperitura sotto la guida di un vero guru della produzione, Rick Rubin. Da quasi trenta anni a questa parte i Red Hot Chili Peppers appartengono a buon diritto all’abbastanza ristretto club di big che possono permettersi di ragionare in termini di stadi quando si tratta di organizzare un tour e “Blood Sugar Sex Magik” ne è uno dei motivi principali.

Sin dall’inizio della loro carriera il palco si è rivelato essere l’habitat naturale per la band.

Potevano essere non esenti da critiche le loro canzoni, le loro esecuzioni, ma l’esperienza dal vivo che proponevano era assolutamente imperdibile. Dal vivo i Red Hot Chili Peppers erano imprevedibili. Possedevano una fisicità unica, degli stranissimi look, la loro era una carica che pareva non avere conclusione, l’energia non conosceva il significato della parola limite. I fan erano trascinati a scaricare la gran parte di quella energia che giungeva dal proscenio all’interno del club, ancora meglio sotto il palco. Lo scorrere degli anni e dei successi cresceva di pari passo con le capienze delle venue con le quali si dovevano confrontare.

La leggenda dei Red Hot Chili Peppers ha preso vita anche, e soprattutto, in concerto.

Ci siamo allora chiesti quale fosse la canzone che la band ha suonato più volte dal vivo nella sua ormai lunga carriera. Per una logica forse non del tutto esatta – e solo per gusto del gioco - questa canzone potrebbe essere presa a simbolo di tutta la loro eccellente produzione. Ebbene, quella canzone è “Give it Away”. Brano che è contenuto nell’album di cui si parlava qualche riga più sopra, “Blood Sugar Sex Magik”. Di quel disco fu il primo singolo e il video che la accompagna, girato dal regista francese Stephane Sednaoui, contribuì al successo della stessa. Per rifarci a quanto scritto all’inizio e chiudere in questo modo il cerchio sulla sonorità del gruppo che ora ci è così familiare ma non fu sempre così… quando, nel 1991, venne scelta come primo singolo di “Blood Sugar Sex Magik” alcune radio avevano difficoltà a trasmetterla. Tanto che venne consigliato ai Red Hot Chili Peppers di proporre per il futuro qualcosa di più orecchiabile. Avete letto bene, molti addetti ai lavori bollarono come poco orecchiabile “Give it Away”, la canzone che (forse) più rappresenta i Red Hot Chili Peppers.

Curiosità finale: il sito (non ufficiale) rhcplivearchive, che riporta i numeri relativi alla band, informa che sarebbero 913 le volte (sino a oggi) che “Give it Away” è stata proposta dal vivo dai Red Hot Chili Peppers.

(Paolo Panzeri)

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.