Grammy 2017: l'omaggio di Adele (che si emoziona e sbaglia) a George Michael

Grammy 2017: l'omaggio di Adele (che si emoziona e sbaglia) a George Michael

I Little Big Town introducono Katy Perry, che ha scelto il palco dei Grammy Awards 2017 per presentare in anteprima dal vivo al pubblico il suo nuovo singolo, "Chained To The Rhythm".

Si prosegue con le performance: William Bell e Gary Clark riportano le dodici battute negli speaker dello Staples Center, dopo l'escursione in levare della voce di "California Gulrs". Nonostante il contesto non proprio ideale per un set essenziale come quello proposto, la performance è del tutto convincente, e la rilettura di "Born Under a Bad Sign" - il classico reso celebre da Albert King nel '67 - coglie nel segno.

Si passa alla premiazione per il Best Urban Contemporary Album: il premio va a Beyoncé, per "Lemonade", che si presenta a ritirare con ancora i vestiti di scena usati poco prima. Ancora una volta Rihanna viene snobbata: il suo "Anti", infatti, era in corsa nella stessa categoria, insieme a - tra gli altri - "Ology" di Gallant e "Malibu" di Anderson .Paak.

La performance successiva è firmata da Alicia Keys e Maren Morris: la scenografia è sontuosa, le due cantanti riescono ad essere coinvolgenti nonostante l'orchestrazione molto elaborata.

Corden si fa serio ricordando George Michael, e lanciando il tributo dedicato all'artista inglese: sul palco appare Adele, che accompagnata da un'orchestra accenna "Fastlove", ma l'emozione le gioca un brutto scherzo.

La diva britannica va fuori tempo, e chiede - scusandosi col pubblico, che la incoraggia applaudendo - di riprendere da capo l'esecuzione, accolta al termine da una clamorosa standing ovation.

Grammy Awards 2017: leggi qui la cronaca completa

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.