Collezioni CD e DVD? Occhio al "disc rot"!

Chi colleziona CD e DVD da anni probabilmente avrà notato che talvolta questi supporti, anche se trattati con tutte le cure e cautele del caso, divengono misteriosamente inutilizzabili e si rovinano, semplicemente con il trascorrere del tempo. Quasi una beffa, vista l'aura di "durevolezza" che si tende ad attribuire ai supporti fisici, soprattutto se poi frutto di tecnologie piuttosto nuove.

La chiave di interpretazione è un fenomeno che è oggetto di studio da pochi anni ed è stato battezzato "disc rot" - ovvero "la decomposizione del disco".

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/QRS4p3zCyPGNAYI3RC9KB-JE4hA=/700x0/smart/https%3A%2F%2Fvideo-images.vice.com%2Farticles%2F5898a4cf8b87f76bc8577c8e%2Flede%2F1486400053191-Time_destroyed_CD.jpeg

Il segnale più eclatante e inequivocabile di un disco affetto da questa problematica è la comparsa di macchie, aloni e variazioni nella colorazione della superficie dei CD e DVD: è l'indicazione di un deterioramento strutturale del materiale, che nella maggior parte dei casi porta il supporto a essere inutilizzabile.

A quanto pare il maggiore indiziato per questa problematica è un complesso di agenti chimici utilizzati nella produzione dei dischetti (agenti per schiarire la plastica, inchiostri...), che col passare del tempo si alterano e provocano il deterioramento della sottile pellicola di alluminio su cui i dati sono scritti.

Il fenomeno è stato di recente affrontato in un lungo articolo pubblicato da "Motherboard"; colpisce come il "disc rot" sia un fenomeno che può attaccare i supporti indipendentemente dalle loro condizioni: sono stati registrati molti casi di deterioramento anche in CD e DVD ancora sigillati. Perché, appunto, il vero nemico è la chimica... che si allea col tempo e provoca danni.

Paradossalmente, alcuni dischi hanno meno possibilità di rovinarsi se utilizzati, piuttosto che se lasciati sigillati nel loro jewel case, dove sono a contatto con l'inchiostro del libretto.

Una brutta faccenda, soprattutto per chi magari ha sostituito intere collezioni di vinile con i CD, credendo di avere in mano un supporto moderno, comodo e indistruttibile.

Dall'archivio di Rockol - Quando la rockstar mostra il medio
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.