Fondazione Michael Jackson, dal fisco USA una cartella esattoriale da 700 milioni di dollari

Fondazione Michael Jackson, dal fisco USA una cartella esattoriale da 700 milioni di dollari

La storia, riferita da Digital Music News e dal Wall Street Journal, è talmente assurda da sembrare paradossale, eppure è vera, come vera è la cartella esattoriale emessa dall'Internal Revenue Service - il severo ufficio delle tasse a stelle e strisce - all'indirizzo della fondazione intitolata al Re del Pop.

Al momento della sua morte, nel 2009, l'immagine di Michael Jackson era stimata dal fisco americano la bellezza di 161 milioni di dollari: una volta valutati gli asset lasciati dall'artista, i legali degli esecutori testamentari stabilirono arbitrariamente che il valore dell'eredita legata al nome e al volto della voce di "Thriller" era invece prossimo allo zero. Il motivo? La "cattiva reputazione" che, secondo gli avvocati, era stata accumulata dal defunto a causa dei procedimenti legali legati ai presunti episodi di molestie e minori. Di conseguenza, valendo l'immagine di Jackson zero, non era in grado di produrre reddito, e pertanto non passibile di tassazione.

I vertici dell'IRS, però, non hanno ritenuto questa spiegazione convincente, e si sono decisi a procedere secondo le loro stime: calcolato in 500 milioni di dollari l'introito fiscale non versato e sommato ad esso altri 200 milioni a titolo di penale, il fisco ha fatto pervenire alla fondazione intitolata a Jackson quella che a ragione può essere considerata una delle più pesanti cartelle esattoriali della storia.

"Nessun diritto di immagine ha mai fatto guadagnare tanto", ha dichiarato al WSJ Howard Weitzman, principe del foro losangelino e legale rappresentante del Michael Jackson Estate: "Nemmeno quelli di Elvis, Marilyn Monroe o Muhammad Ali. E Michael Jackson di certo non ha guadagnato così tanto dallo sfruttamento della sua immagine. L'IRS sta cercando di impossessarsi di ciò che Michael ha creato per i suoi figli applicando ad esso una tassazione spropositata e irragionevole".

Nonostante la sicura presentazione di un appello da parte del team legale della fondazione, ancora non è stato reso noto il foro di competenza presso il quale verrà dibattuta la causa.

Dall'archivio di Rockol - Thriller: Quando Michael Jackson diventò il Re del Pop
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.