Arezzo Wave: l'edizione 2017 si trasferisce a Milano, ma è battaglia sul marchio

Arezzo Wave: l'edizione 2017 si trasferisce a Milano, ma è battaglia sul marchio

Non c'è pace per Arezzo Wave, il festival fondato da Mauro Valenti che negli anni d'oro radunava nella cittadina che diede i natali a Giorgio Vasari migliaia e migliaia di fan per una delle rarissime manifestazioni di levatura internazionale completamente gratuite: la rassegna, che dal 2007 - per attriti con le amministrazioni comunali - ha migrato prima alla volta di Sesto Fiorentino, poi a quella di Livorno, per poi riparare a Lecce e in seguito tenere edizioni minori tra Civitella in Valdichiana, Pratomagno e San Giustino Valdarno, per l'edizione 2017 migrerà a Milano.

"Lo faccio perché in questa città non ci sono le condizioni per poter continuare a progettare qualcosa", è stato il commento del patron della rassegna, al quale ha risposto - indirettamente - il primo cittadino aretino, Alessandro Ghinelli, che - come riferisce Arezzo Notizie - ha dichiarato: "L’amministrazione non può spendere soldi in un festival che, per come è stato organizzato negli ultimi anni, non ha riportato alcun successo. Arezzo Wave è stata una bella idea e un’ottima rassegna musicale ma ormai ha fatto il suo tempo. Ci siamo orientati su altre proposte che, la scorsa estate, ci hanno dato soddisfazione per i consensi ricevuti e dunque proseguiamo per questa strada"

"Non è Arezzo Wave a chiedere niente anzi è il sindaco che dice che Arezzo Wave non gli piace, ma vuole tenersi il marchio", ha ulteriormente ribadito Valenti, sempre ad Arezzo Notizie. La municipalità aretina è infatti proprietaria di una quota del marchio, cedutale dalla stessa fondazione Arezzo Wave a titolo gratuito: "Proseguirò la mia battaglia altrove perché qui non c’è campo da gioco, non c’è partita che possiamo giocare", ha ribadito, in chiusura, Valenti.

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.