Fiorella Mannoia a Sanremo: 'Fare gli ospiti può essere imbarazzante'

Fiorella Mannoia a Sanremo: 'Fare gli ospiti può essere imbarazzante'

Intervistata da Marinella Venegoni su La Stampa alla vigilia della partecipazione alla sessantasettesima edizione del Festival di Sanremo, Fiorella Mannoia si è concessa qualche riflessione a proposito della competizione canora più amata dagli italiani e delle dinamiche che la regolano.

Tra considerazioni sull'opportunità di presentarsi in gara con il brano "Che sia benedetta" (scritto da Erika e Salvatore Mineo) - "Il mio manager me l’ha fatto ascoltare. Ci siamo guardati e abbiamo pensato tutti e due di fare questa follia e andare al Festival. Il pezzo merita una platea grande, per quel che dice e per il momento in cui lo dice" - e sul fatto di essere data come favorita alla vittoria finale - "È la prima volta che mi capita. Finché lo dicevano prima degli ascolti mi spiaceva: ma ora 'Che sia benedetta' è piaciuta ai giornalisti, se è fra le favorite mi fa piacere" - la cantante romana ha anche affrontato il tema degli "ospiti speciali" chiamati a impreziosire le serate al teatro Ariston.

"Qualcuno penserà che Giorgia è in gara come lei", riflette la Venegoni. L'artista risponde: "Non credo, la gente non è così distratta. Ed è un po’ imbarazzante, questo sì, per chi partecipa come ospite. Io, ospite con Fazio, ebbi questo imbarazzo".

Fiorella Mannoia fu tra gli ospiti speciali del Festival di Sanremo nel 2000: per l'occasione, la cantante eseguì "Il pescatore" e "Oh che sarà".

Lo stesso anno tra gli ospiti alla cinquantesima edizione del Festival della Canzone Italiana erano presenti tra gli altri gli Eurythmics, Tina Turner, Lucio Dalla, Robbie Williams (che sarà ospite anche quest'anno), Sting, Tom Jones e Bono e The Edge degli U2, che eseguirono "The Ground Beneath Her Feet" e "All I Want Is You".

Scheda artista Tour&Concerti Testi
24 ago
Scopri tutte le date

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.