Sesso, violenza, droga e tutto il resto: 10 fra i video musicali più controversi di sempre (1 / 11)

Sesso, violenza, droga e tutto il resto: 10 fra i video musicali più controversi di sempre

Il videoclip è ormai de diversi decenni uno dei media principali tramite cui avviene la promozione della musica. Dai primi esperimenti goffi ed embrionali il tutto si è evoluto fino a diventare un genere a sé, ibrido e in continua evoluzione, che meticcia cinema, tv e arte visiva. E, ovviamente, non manca lo spazio per dare qualche bello scossone al comune senso del pudore e iniettare un po' di adrenalina, toccando qualche tema controverso - sesso, droga, violenza...

Abbiamo selezionato per voi 10 clip che in questo senso hanno fatto scuola - dall'ormai leggendario "Smack My Bitch Up" dei Prodigy al più vintage George Michael, passando per Madonna, Nirvana e Rolling Stones...

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.