NEWS   |   Italia / 01/02/2017

Articolo 31 e Bob Dylan: storia di una stima reciproca

Articolo 31 e Bob Dylan: storia di una stima reciproca

Questa è una storia che risale a quasi venti anni fa. I protagonisti sono gli Articolo 31 e Bob Dylan. Mondi distanti tra di loro, con pochi punti di contatto. Mondi che, però, si avvicinarono fino a incontrarsi nei primi mesi del 1998. A quel tempo gli Articolo 31 erano all’apice del loro successo. Il loro terzo album, “Così com’è”, pubblicato nel maggio del 1996, ha venduto molto, moltissimo. Ancora oggi si stima sia l’album di hip hop italiano che ha venduto più di tutti. E’ il 1998, si diceva, sono trascorsi due anni dall’ultima fatica discografica ed è tempo per gli Articolo 31 di mettersi al lavoro sul quarto album. L’asticella, date le premesse, è posta molto in alto. J-Ax e Dj Jad fanno comunella da ormai una decina di anni. Il disco al quale hanno lavorato per perpetuare la loro storia si intitola ”Nessuno” . Il primo singolo di questo album è “La fidanzata”. Nella canzone viene campionata, e fa da filo conduttore, la vecchia canzone (risale agli anni quaranta) di Natalino Otto, “Mamma voglio anch’io la fidanzata”. Sì, fin qui tutto bene. Ma Bob Dylan cosa c’entra?



Calma. Ora arriviamo anche a Bob Dylan. Tra i brani inclusi in “Nessuno” c’è “Come una pietra scalciata” che campiona la canzone più importante del Premio Nobel per la Letteratura 2016 “Like a rolling stone”. Ma come è accaduto che Dylan sia entrato nei radar degli Articolo ce lo racconta direttamente J-Ax nella autobiografia ”Imperfetta forma” , pubblicata da Mondadori lo scorso mese di ottobre: “Durante la realizzazione di “Nessuno” successe uno degli avvenimenti più curiosi della mia carriera. Ci chiamarono dalla casa discografica di Bob Dylan per dirci che tutti i suoi pezzi erano disponibili per essere campionati a piacimento. Noi scegliemmo “Like a rolling stone”, il suo pezzo più famoso, principalmente perché era l’unica (o quasi) canzone che conoscevamo”.



La canzone è inserita nella tracklist di “Nessuno”, ma ha rischiato seriamente di non farvi parte. Vi è entrata per il rotto della cuffia. Infatti, come ricorda J-Ax: “”Una pietra scalciata” per poco non venne cestinata, perché dovemmo aspettare l’approvazione del Maestro per la pubblicazione, che arrivò solo il giorno prima dell’uscita nei negozi. Ma che gli vuoi dire a uno dei più grandi poeti del Novecento? Sbrigati, stronzo? No, aspetti. E ringrazi.” Il disco – nonostante i featuring di Gianni Morandi, Rosana, Grido, Thema e altri ancora - non ripete il grande successo dell’album precedente ma, del resto, lo si è già scritto sopra, in Italia nessun album ha comunque riscosso il successo di “Così com’è”.



La storia però non finisce qui. L’anno seguente all’entourage degli Articolo 31 giunge una telefonata da oltre oceano. Precisamente dagli Stati Uniti. Precisamente dal management di Bob Dylan che ha una richiesta da fare: poter utilizzare “Una pietra scalciata” per la colonna sonora del film “Masked and anonymous”, ’un progetto a cui il Maestro tiene tantissimo’. Un film che vedeva il cantautore statunitense impegnato non solo come attore protagonista ma anche in qualità di sceneggiatore. Chiaramente non ci fu nessuna controindicazione nel permettere alla produzione cinematografica di usufruire di “Una pietra scalciata”. Il film raggiunse le sale cinematografiche nel 2003, ma, nonostante la presenza di Dylan, Penelope Cruz, Jeff Bridges, John Goodman, Val Kilmer, Jessica Lange, Angela Bassett, Ed Harris, Mickey Rourke e, perché no?, della canzone degli Articolo 31, non fu un successo. Anzi, ad essere onesti, andò proprio maluccio.



Come in molte storie - e questa è una di quelle - c’è un lieto fine. Che arriva qualche anno più tardi, quando Bob Dylan transita nel nostro paese per uno dei concerti del suo ‘Neverending tour’ che lo vede praticamente suonare, senza soluzione di continuità, ogni anno in ogni angolo del mondo. Si concede alla stampa per un’intervista e in questa intervista gli viene chiesto quale opinione aveva di Francesco De Gregori, il musicista italiano a lui più prossimo come sentire musicale. Giusto per intenderci, nel 2015 il cantautore romano rese omaggio all’opera di Bob Dylan dedicandogli un intero album, ”De Gregori canta Bob Dylan – amore e furto” . Ebbene a quella domanda Dylan rispose, come orgogliosamente riporta J-Ax nella sua autobiografia: “’No, però mi ricordo di “Come una pietra scalciata” degli Articolo 31, una versione parecchio rolling’”.

(Paolo Panzeri)

 

Nota: Secondo Greil Marcus, autore del libro "Like a rolling stone" (Donzelli), "Come una pietra scalciata" è la cover di una cover: "la cover della cover del 1993 di 'Like a rolling stone' dell'enigmatico gruppo hip-hop dei Mystery Tramps":

Nota 2: Nella colonna sonora di "Masked and anonymous" c'è anche "Non dirle che non è così", cover di "If you see her, say hello" pubblicata da Francesco De Gregori nel doppio album "La valigia dell'attore" (1997) e poi inserita in versione di studio anche in "Amore e furto":

Scheda artista Tour&Concerti
Testi