Il manager: “Confesso: ho rubato 5 milioni ad Alanis Morissette”

Il manager: “Confesso: ho rubato 5 milioni ad Alanis Morissette”

Jonathan Schwartz, ex consulente finanziario e manager di Alanis Morissette, ha ammesso di avere sottratto alla star canadese 4,7 milioni di dollari, estendendo la sua confessione ad altri reati commessi ai danni di altre celebrità, per un totale di circa 7 milioni di dollari in appropriazioni indebite. Schwartz, non appena le accuse mosse a suo carico erano venute alla luce con una causa intentatagli da Morissette e altri, venne prontamente licenziato dalla GSO Business Management, per cui lavorava. Originariamente il manager si era difeso asserendo che le somme scomparse erano state da lui investite per conto dei clienti illustri in un nuovo business legato alla coltivazione della marijuana che, avendo un profilo di illegalità, gli impediva di fornire documentazione a supporto dell’investimento. Una volta capitolato, sta ora cercando di raggiungere tramite i suoi avvocati una transazione extra-giudiziale per ridurre il massimo della pena (23 anni) a soli 4 anni di reclusione.

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.