L'industria musicale torna alle grandi acquisizioni: i 'costi' per Sony di Ministry Of Sound e Century Media, Live Nation entra nel BottleRock Napa Valley festival

Dopo anni di crisi e contrazione degli investimenti, l'industria musicale pare essere pronta per tornare agli antichi fasti: questa, almeno, è l'indicazione che si evince da quanto rivelato da Music Business Worldwide, che nelle ultime ore ha svelato l'entità delle acquisizioni - da parte di Sony Music - delle due etichette di culto Ministry Of Sound e Century Media. La prima, britannica e nota agli appassionati di dance, è stata comprata dal colosso nippo-americano lo scorso 9 agosto a 67 milioni di sterline, cifra sensibilmente più alta rispetto a quella ipotizzata dagli analisti: la seconda, la tedesca Century Media, specializzata in prog, metal e hard rock, è costata invece a Sony - che l'ha acquistata nel 2015 - oltre 12 milioni di sterline. E non è finita: la multinazionale ha proseguito a fare shopping, dopo aver inglobato l'etichetta fondata da Robert Kampf e Oliver Withöft, comprando prima la metà delle quote della Syco Holdings di Simon Cowell per oltre 86 milioni di sterline e poi il Cooking Vinyl Group, lo scorso marzo, per 3 milioni e 600mila sterline. Tirando la somma delle acquisizioni, le manovre di espansione della Sony hanno inciso sul bilancio degli ultimi due anni per un totale di 170 milioni di sterline.

    Dopo anni di crisi e contrazione degli investimenti, l'industria musicale pare essere pronta per tornare agli antichi fasti: questa, almeno, è l'indicazione che si evince da quanto rivelato da Music Business Worldwide, che nelle ultime ore ha svelato l'entità delle acquisizioni - da parte di Sony Music - delle due etichette di culto Ministry Of Sound e Century Media. La prima, britannica e nota agli appassionati di dance, è stata comprata dal colosso nippo-americano lo scorso 9 agosto a 67 milioni di sterline, cifra sensibilmente più alta rispetto a quella ipotizzata dagli analisti: la seconda, la tedesca Century Media, specializzata in prog, metal e hard rock, è costata invece a Sony - che l'ha acquistata nel 2015 - oltre 12 milioni di sterline. E non è finita: la multinazionale ha proseguito a fare shopping, dopo aver inglobato l'etichetta fondata da Robert Kampf e Oliver Withöft, comprando prima la metà delle quote della Syco Holdings di Simon Cowell per oltre 86 milioni di sterline e poi il Cooking Vinyl Group, lo scorso marzo, per 3 milioni e 600mila sterline. Tirando la somma delle acquisizioni, le manovre di espansione della Sony hanno inciso sul bilancio degli ultimi due anni per un totale di 170 milioni di sterline.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.