Secondary ticketing, in UK è scandalo: il management di Robbie Williams ha venduto biglietti direttamente sul mercato secondario (che fino a un anno fa condannava)

Secondary ticketing, in UK è scandalo: il management di Robbie Williams ha venduto biglietti direttamente sul mercato secondario (che fino a un anno fa condannava)

Nel Regno Unito potrebbe scoppiare presto una bufera simile a quella scatenata dall'inchiesta di Matteo Viviani delle Iene, che avrebbe prodotto delle prove circa il rapporto diretto - e in violazione di un contratto di esclusiva con l'operatore primario Ticketone - tra alcuni promoter musicali italiani e Viagogo, società di secondary ticketing operante nel nostro Paese: secondo quanto riferito oggi, mercoledì 11 gennaio, da Victoria Derbyshire all'interno del suo programma per la BBC, la società di management che cura gli interessi di Robbie Williams, la britannica Ie:music, avrebbe ceduto interi pacchetti di biglietti per le date del tour dell'ex Take That direttamente a Seatwave, società di secondary ticketing controllata da Ticketmaster. I tagliandi girati direttamente alla società operante sul mercato secondario sarebbero poi stati messi in vendita a prezzi maggiorati in media di 65 sterline, alle quali sono stati poi aggiunte le commissioni di servizio, sensibilmente più care rispetto a quelle presenti sul mercato primario.

    Nel Regno Unito potrebbe scoppiare presto una bufera simile a quella scatenata dall'inchiesta di Matteo Viviani delle Iene, che avrebbe prodotto delle prove circa il rapporto diretto - e in violazione di un contratto di esclusiva con l'operatore primario Ticketone - tra alcuni promoter musicali italiani e Viagogo, società di secondary ticketing operante nel nostro Paese: secondo quanto riferito oggi, mercoledì 11 gennaio, da Victoria Derbyshire all'interno del suo programma per la BBC, la società di management che cura gli interessi di Robbie Williams, la britannica Ie:music, avrebbe ceduto interi pacchetti di biglietti per le date del tour dell'ex Take That direttamente a Seatwave, società di secondary ticketing controllata da Ticketmaster. I tagliandi girati direttamente alla società operante sul mercato secondario sarebbero poi stati messi in vendita a prezzi maggiorati in media di 65 sterline, alle quali sono stati poi aggiunte le commissioni di servizio, sensibilmente più care rispetto a quelle presenti sul mercato primario.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.