Primo album per la Milk And Honey Band: lo pubblica Andy Partridge (XTC)

Primo album per la Milk And Honey Band: lo pubblica Andy Partridge (XTC)
Messo temporaneamente in soffitta il marchio XTC (l’ultimo album vero e proprio, “Wasp star”, risale ormai a quattro anni fa), interrotti i turbolenti rapporti con la discografia “ufficiale” (con la Virgin è andata avanti per anni una sanguinosa battaglia legale, e non molto meglio sono andate le cose con la Cooking Vinyl), saggiato il terreno dell’autogestione con la Idea Records, Andy Partridge ha finalmente concretizzato l’anno scorso i suoi desideri di indipendenza e di libertà creativo-imprenditoriale inaugurando la Ape Records, etichetta a conduzione familiare che egli gestisce in toto dalla sua abitazione di Swindon con home studio annesso, e con cui ha già pubblicato sei raccolte di provini e outtakes destinate ai fan di più stretta osservanza (“Fuzzy warbles”, vol. 1-6) nonché un ambizioso album di musica e parole registrato insieme con l’eccentrico ex Henry Cow Peter Blegvad (“Orpheus the lowdown”, sempre nel 2003). Ma ora il genietto inglese si spinge oltre, e la sua Ape (che in inglese significa scimmia, ma sta anche per Andy Partridge Experience) si mette a pubblicare anche materiale di altri artisti, iniziando da “The secret life of” di The Milk And Honey Band, trio pop chitarristico di Brighton a cui Partridge stesso ha prestato una mano come ospite e che sta già raccogliendo molte lodi dalla stampa specializzata inglese (la distribuzione italiana dell’etichetta è affidata alla milanese Family Affair). “Mi sono liberato dagli artigli malvagi dell’industria discografica”, aveva spiegato Partridge qualche tempo fa in un’intervista al quotidiano inglese Guardian “e così ho messo in piedi un’impresa con l’intento esplicito di non essere altrettanto malefico”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.