NEWS   |   Pop/Rock / 08/12/2016

Greg Lake, in morte di una leggenda del prog-rock

Greg Lake, in morte di una leggenda del prog-rock

Greg Lake, scomparso nella giornata di ieri, mercoledì 7 dicembre, resterà alla storia come uno dei nomi di punta della musica prog-rock. La sua carriera, iniziata nel 1966, lo ha visto impegnato come membro di due delle band che hanno scritto pagine importanti del genere come i King Crimson e gli Emerson, Lake & Palmer.

Il musicista, nato a Poole (sud ovest dell'Inghilterra) nel novembre del 1947, entrò a far parte dei King Crimson dopo aver militato in band come gli Shy Limbs e i The Shame. Il primo album dei King Crimson alle cui lavorazioni partecipò anche Greg Lake fu "In the court of the Crimson King" del 1969, considerato una vera e propria pietra miliare della musica progressive: Lake suonò il basso e cantò. Lake entrò in studio con i King Crimson anche per il disco successivo, "In the wake of Poseidon" del 1970.

Sempre nel 1970 diede vita, insieme a Keith Emerson e Carl Palmer, al trio leggendario degli Emerson, Lake & Palmer. Con i due colleghi, Lake pubblicò ben dieci dischi, dall'eponimo "Emerson, Lake & Palmer" del 1970 a "In concert" del 1979.

Nel 1973 fondò l'etichetta Manticore, per la quale produsse - tra gli altri - anche la Premiata Forneria Marconi e il Banco del Mutuo Soccorso, due delle band che importarono il progressive rock nel nostro Paese. Terminata l'esperienza con gli Emerson, Lake & Palmer, negli 1980, Greg Lake avviò una carriera solista che lo vide pubblicare un primo disco eponimo nel 1981 e un secondo disco, "Manoeuvres", nel 1983. Nel 2006 fu la volta di "Live in England", mentre nel 2013 uscì "Songs of a Lifetime".

Nel 2010, Lake aveva ritrovato il suo compagno Keith Emerson e insieme avevano girato il mondo con una nuova tournée, facendo tappa negli Stati Uniti, in Giappone e in Europa. Appena un mese fa, lo scorso 10 novembre, Lake - che era malato da tempo - aveva compiuto 69 anni.

Scheda artista Tour&Concerti
Testi