Salmo, Rovazzi e Fedez. Il rapper: 'Continuate a scrivere le vostre canzoni di merda' - VIDEO

Salmo, Rovazzi e Fedez. Il rapper: 'Continuate a scrivere le vostre canzoni di merda' - VIDEO

Continua la querelle via social tra Salmo e Fabio Rovazzi. Il rapper olbiese, nelle ultime ore, ha pubblicato un video sulla propria pagina Facebook ufficiale nel quale ha detto la sua in merito alla vicenda, in merito allo youtuber meneghino (del quale, però, non ha fatto il nome - lo ha soprannominato "Gigi") e ha anche risposto ad alcuni commenti di Fedez (che insieme a J-Ax, con la Newtopia, cura il management di Rovazzi).

Il video comincia con Salmo che, mentre guida la sua macchina, ascolta "Born to lose" dei Social Distortion e dice:
 

"Credo sia arrivato il momento di dire la mia su tutta questa situazione, visto che si è alzato un polverone enorme. In questo video non farò nessun nome, ma voi sapete di chi sto parlando. A questa persona, con la quale ho avuto questa discussione, darò un nome fittizio, lo chiamerò Gigi: questo Gigi, vi sembrerà strano, a me sta anche molto simpatico, penso che sia una persona molto intelligente e che non abbia fatto nulla di male. Il problema è che io non ho attaccato la persona in sé ma il personaggio e il fenomeno che crea".


Salmo, lo ricordiamo, ha accusato via social Rovazzi di aver copiato l'incipit del video di "Tutto molto interessante" dal video-parodia "Mr Thunder", una clip che il rapper aveva pubblicato su YouTube la scorsa estate, in cui un rapper si confronta con il proprio discografico. Un'idea che, secondo Rovazzi, Salmo avrebbe a sua volta copiato da un video dei Sum 41 - ma sono molti, in realtà, i video che cominciano con gli artisti negli uffici dei discografici. A tal proposito, il rapper spiega:
 

"Chi ha seguito il caso, ha visto che il problema esiste da prima dell'accusa del plagio del video. A dire la verità, tutta questa roba dell'accusa del plagio è stato un gioco. Sapevo benissimo che qualcuno l'aveva fatto prima di me. Volevo creare un po' di casino, chi mi ha seguito sa che buona parte della mia musica e del mio modo di fare è pura provocazione".


Salmo parla poi di "Gigi" (Rovazzi) e spiega la sua posizione nei confronti dello youtuber e delle sue canzoni:
 

"Gigi è semplicemente uno youtuber che canta canzoni scritte da altre persone fatte apposta su misura per una fetta grossa di ragazzini che non capiscono un cazzo di musica e che si ritroveranno tra dieci anni a dire: 'Ma che cazzo ho ascoltato io da ragazzino?'. E la cosa che mi dà veramente fastidio è che nessuno in Italia dice mai niente. Non dovete avere paura, dovete dire la vostra. Io ho deciso di prendere questa posizione, di quello che rompe il cazzo. Se avessi voluto fare il ripulito, sarei andato in tv, avrei preso i soldi, mi sarei fatto i cazzi miei come tutti quanti, ma la mia posizione è un'altra. [...] Non chiedetevi perché ho fatto questa cosa, perché mi metto contro una persona come Gigi: perché se stiamo tutti al nostro posto e non diciamo mai niente, allora non c'è divertimento, non c'è gioco. Quindi in questo stupidissimo gioco io avevo messo in conto di prendermi una valanga di merda, ma non è un problema: in questo gioco non esiste cattiva pubblicità, esiste chi ha le palle di stare nel gioco. In questo gioco non c'è nessun vincitore e nessuno sconfitto, c'è solo pubblicità".


Nella discussione tra Salmo e Rovazzi, negli scorsi giorni, si era inserito anche Fedez. Il rapper di "Cigno nero" aveva pubblicato sui social un video nel quale, pur senza fare il nome di Salmo, aveva detto:

"Fate i rapper, avete trent'anni per gamba e vi attaccate all'aiuto di Rovazzi? Ma non avete un cazzo da fare? Che poi avete a vostra volta copiato altri video. Siete proprio... Dei grandi. Tutto per passare come i pionieri delle grandi idee che non ottengono successo, ma sono avanti rispetto agli altri. Vuol dire che, alla fine, abbiamo vinto noi. Non riuscite a pensare a quello che fate voi, dovete sempre cagare il cazzo agli altri: non interessatevi a ciò che non vi interessa o non reputate valido, perché se fate così sembra che non la vivete bene. Godetevi quello che avete, perché se no sembra che guardate sempre al piatto degli altri, che rosicate un po'. Quello che faccio mi appaga e non me ne frega un cazzo di quello che fate voi".





E Salmo, nella parte finale del suo video, risponde proprio al video di Fedez - pur senza fare il nome del rapper e rivolgendosi a lui con il nome fittizio di "Chicca":
 

"Vorrei dire anche due parole a un'altra persona che si è messa in mezzo a questa situazione, al quale darò un altro nome fittizio. Lo chiamerò Chicca. Questa chicca ha detto che noi non siamo felici, che non ci godiamo quello che abbiamo. dal canto mio è davvero così, non sono mai felice, sto sempre male: ecco perché continuo a scrivere delle canzoni decenti. Voi, invece, che vi sentite così appagati, continuate pure a scrivere le vostre canzoni di merda".




 

Scheda artista Tour&Concerti Testi
PROG ITALIANO
Scopri qui tutti i vinili!
30 ago
Scopri tutte le date

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.