Canzoni col cazzo: la censura a Rovazzi e quelli che non sono stati 'bippati' - GALLERY (1 / 12)

Canzoni col cazzo: la censura a Rovazzi e quelli che non sono stati 'bippati' - GALLERY

"Però io la gente come lei la conosco, piace ai bambini e piace alle mamme. E quindi, no parolacce", dice Fabio De Luigi - nei panni di un discografico - all'inizio del video di "Tutto molto interessante", la nuova canzone dello youtuber Fabio Rovazzi. "No parolacce": e infatti, nel testo della canzone, la parola "cazzo" è stata censurata. Non è il primo caso, ovviamente: diverse canzoni italiane con parolacce nel testo (e nel titolo) sono state oggetto di censura. Tuttavia, ci sono anche diverse canzoni con parolacce - sia nel testo sia nel titolo - che non sono state "bippate": non solo quelle dei rapper (ché, è cosa nota, il linguaggio dei rapper si nutre di parolacce ed espressioni dure e crude), ma anche quelle di cantanti popolari. Ne abbiamo raccolte un po'...

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.