Alan Sorrenti: le sue canzoni più famose degli anni Settanta (1 / 14)

Alan Sorrenti: le sue canzoni più famose degli anni Settanta

Chissà cosa sarà passato per la testa di Alan Sorrenti nel breve giro di sette anni, cosa l’abbia portato dai vocalizzi alla Peter Hammill e alla Tim Buckley (ragazzi, non è un errore da Alzheimer o un refuso: parlo del padre di Jeff Buckley) degli esordi del 1972 al palco del Festivalbar dell'Arena di Verona, nel 1979, con una canzone il cui testo diceva “Dammi il tuo amore, non chiedermi niente, dimmi che hai bisogno di me / Tu sei sempre mia, anche quando vado via, tu sei l’unica donna per me".

Oggi, nel giorno del suo 69esimo compleanno, ripercorriamo gli anni luminosi della carriera del cantautore napoletano attraverso le sue canzoni più significative.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.