Il parco dedicato ad Adam Yauch (Beastie Boys) vandalizzato a New York - FOTO

Nella giornata del 18 novembre è stato scoperto che ignoti si sono presi la briga di imbrattare - con alcune svastiche e almeno una scritta che inneggia al neoeletto presidente degli USA Donald Trump - il parco giochi di Brooklyn che è stato dedicato alla memoria di Adam Yauch alias MCA dei Beastie Boys (l'ex Palmetto Playground, ora Adam Yauch Park).

L'episodio non è certo edificante ed è reso ancora più spiacevole dal fatto che tanto Yauch, quanto gli altri Beastie Boys, sono di religione ebraica.

Ricordiamo che Yauch è scomparso nel maggio del 2012; aveva 47 anni e gli era stato diagnosticato un tumore nel 2009. Inizialmente sembrava che le terapie fossero andate a buon fine e si parlava di un tumore "molto curabile" (queste furono le parole di Yauch stesso). Purtroppo le cose andarono per il verso sbagliato.

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.