Secondary ticketing, lo scoop delle Iene: gli organizzatori fanno affari con le società di secondary ticketing. Ci sono le prove.

Secondary ticketing, lo scoop delle Iene: gli organizzatori fanno affari con le società di secondary ticketing. Ci sono le prove.

Il giornalista delle Iene Andrea Viviani ha dimostrato nella puntata de Le Iene andata in onda stasera alle 21:45 come alcune società di organizzazione di eventi musicali intrattengano rapporti commerciali coi siti di secondary ticketing. Lo scoop è stato ottenuto grazie alla testimonianza anonima di un'impiegata italiana di un operatore sul mercato secondario, che ha spiegato all'inviato del programma di Italia 1 come la vendita diretta di biglietti da promoter a società operanti sul mercato secondario sia prassi consolidata – ma celata alle autorità competenti, alla stampa e al pubblico - ormai da tempo.

Alla testimonianza (resa in video con ripresa di spalle e con la voce contraffatta) Viviani ha poi aggiunto alcune prove giunte alla redazione delle Iene come plico anonimo e nella forma di fatture emesse su società di secondary ticketing da alcuni dei principali operatori di live promoting italiani; i documenti, mostrati con degli omissis in post-produzione, sarebbero riferiti a cessioni di interi pacchetti di tagliandi mai finiti sul mercato primario ma direttamente nelle mani degli speculatori e riguarderebbero almeno un notissimo artista.

Il giornalista ha poi mostrato i documenti a Claudio Trotta, fondatore di Barley Arts da tempo portavoce della crociata contro la pratica delle speculazione sui tagliandi al punto da avere presentato un esposto alla procura di Milano sfociato poi in un'inchiesta del pm meneghino Adriano Scudieri, che a precisa domanda ha confermato che le fatture che stava visionando non possono che certificare l'esistenza di un rapporto tra promoter e operatori del mercato secondario parallelo a quello ufficiale di esclusiva tuttora vigente tra i maggiori promoter e Ticketone, “attore” primario autorizzato a vendere biglietti al valore nominale, pari al prezzo imposto dall'organizzatore dell'evento.

Viviani è poi passato a mostrare la stessa documentazione all'amministratore delegato di Ticketone Stefano Lionetti (erroneamente indicato nel servizio delle Iene come Andrea Grancini), il quale non solo ha anch’egli constatato un’operazione del genere implichi il bypass di Ticketone ma, proprio per questo, ha ravvisato anche una violazione del suddetto contratto di esclusiva. I documenti, illustrati dal giornalista a voce mentre i suoi interlocutori ne prendevano visione, mostrerebbero anche che questi accordi paralleli contengono clausole esplicite che sanciscono che al promoter fornitore degli ingressi sarebbe poi spettato il 90% degli introiti fruttati sulla vendita degli stessi sul secondary market.

L'ultimo interlocutore di Viviani è Roberto De Luca, amministratore delegato di Live Nation Italia, filiale locale del colosso del live entertainement musicale guidato da Michael Rapino che comprende Ticketmaster che, a sua volta, detiene Seatwave, una delle maggiori società di secondary ticketing. Dallo svolgimento del servizio si evincerebbe che De Luca sia stato interpellato poiché il “noto artista” menzionato nei documenti in possesso di Viviani farebbe parte del roster di Live Nation. Incalzato da Viviani con i documenti, ha ammesso l'esistenza di un rapporto diretto di vendita di biglietti tra Live Nation Italia e Viagogo che salta l’esclusiva Ticketone. De Luca, su esplicita sollecitazione, ha definito la manovra "non illegale, ma borderline", motivandola come un espediente per fare salire il valore dei tagliandi in caso di date il cui andamento delle prevendite sia stato giudicato deludente. Ma, a telecamere spente, ha infine chiarito come siano gli artisti stessi a richiedere a Live Nation di effettuare certe operazioni.

Come ha sottolineato Viviani, il per ora taciuto nome del “noto artista” protagonista dello scoop farebbe parte della lista di quelli che sottoscrissero il protocollo d'intesa della SIAE proprio contro il secondary ticketing.

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.