Nada, Jude Law e ‘The Young Pope’: breve storia dell’improvvisa ascesa in classifica di ‘Senza un perché’

Nada, Jude Law e ‘The Young Pope’: breve storia dell’improvvisa ascesa in classifica di ‘Senza un perché’

Il primo ministro della Groenlandia è una donna dalla bellezza mozzafiato. E’ in visita privata da Pio XIII e gli ha portato due doni: l’halibut più grosso pescato di recente nella sua terra, sotto vuoto, e un brano molto amato dalla sua gente, cantato da un’artista italiana. Il Papa, anzi: il Giovane Papa Jude Law lo ascolta subito grazie a un solerte inserviente che porta nella sala delle udienze un giradischi, e “Senza un perché” di Nada riempie il silenzio imbarazzato delle cariatidi ecclesiastiche che affiancano l’avvenente pontefice durante l’incontro ufficiale. Il brano sarà poi protagonista anche della scena di chiusura della quarta puntata di “The Young Pope”, serie diretta da Paolo Sorrentino in onda su Sky Atlantic: stavolta la si ascolterà mentre in lontananza si scorge la sagoma - che si immagina appartenga al primo ministro groenlandese – di una donna che balla di gusto sulle note del pezzo. Una doppia presenza che richiama quella all’interno dell’album di appartenenza, “Tutto l’amore che mi manca”, nel quale completava la tracklist in modo non ufficiale aggiungendo in fondo al disco anche in una versione acustica “fantasma”.

Il 45 giri sul giradischi è una licenza poetica di Sorrentino, considerando che il brano della cantautrice toscana è datato 2004, ovvero tre anni dopo la nascita di iTunes e ben prima del revival del vinile dell’ultimo lustro circa.

“Senza un perché” nella settimana della messa in onda della quarta puntata della serie, quella che si sta concludendo, ha fatto balzare Nada al secondo posto della classifica di iTunes. E’ una scelta geniale la sua inclusione all’interno della colonna sonora di “The Young Pope”, sia per il contesto delle due scene in cui la si ascolta – surreale e morbidamente blasfema la prima, con un rock essenziale che sembra uscito dagli anni ’70 a irrompere oltre Tevere ai giorni nostri, onirica la seconda; sia per il contrasto tra il suono low-fi della canzone ed il mood elettronico dei brani originali composti da Lele Marchitelli che dominano la serie con suoni sincopati e inquietanti come i pensieri del Giovane Papa eletto senza calcolarne le conseguenze.

Così come è accaduto per diversi pezzi nelle colonne sonore dei film di Quentin Tarantino, “Senza un perché” è una perla misconosciuta recuperata alla celebrità al pari di Nada stessa, artista la cui carriera veleggia verso il cinquantesimo anno: nata a Livorno nel 1953, debuttò infatti al Festival di Sanremo nel 1969, appena quindicenne, con “Ma che freddo fa per poi vincerlo con “Il cuore è uno zingaro” nel 1971. 

Scheda artista Tour&Concerti Testi
30 ago
Scopri tutte le date

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.