Rockol - sezioni principali

NEWS   |   Italia / 04/11/2016

I Nomadi, in un prezioso cofanetto il diario di viaggio di Augusto e Beppe

I Nomadi, in un prezioso cofanetto il diario di viaggio di Augusto e Beppe

Ho scritto più volte, negli anni passati, che ammiravo – di certe etichette internazionali – la capacità di confezionare raccolte, cofanetti, box ricchi di contenuti anche inediti, ben progettati, graficamente curati, arricchiti di libretti storiografici eccetera eccetera. E ogni volta concludevo domandandomi perché in Italia non eravamo capaci di realizzare prodotti altrettanto validi.

Riconosco volentieri che la situazione è piuttosto migliorata: anche da noi sono usciti, in tempi recenti, progetti discografici antologici realizzati seguendo un pensiero intelligente e coerente. Certo servono un repertorio adeguato, discografici appassionati e competenti (o che si avvalgano di persone competenti) e artisti collaborativi.

Una di queste convergenze di componenti è alla base di “I Nomadi 1965/1979 – Diario di viaggio di Augusto e Beppe”, che in otto CD (nella versione super-deluxe, ma c’è anche un’edizione standard da quattro CD) ripesca dal catalogo EMI del gruppo 119 canzoni riordinandole per “Il meglio”, “Inediti”, “Demo e rarità”, “Le cover dei Nomadi”, “I Nomadi cantano e interpretano Guccini” e “Album Concerto” (il disco con Francesco Guccini registrato dal vivo nel 1979 al Kiwi di Piumazzo e al Club 77 di Pavana: io c’ero!).

Il coordinamento e la ricerca dei nastri originali d’archivio sono frutto del lavoro di Ivan Storti – una mosca rara, un discografico appassionato e competente del quale è giusto fare il nome e il cognome (ce ne fossero...).

Per farci presentare questo bel lavoro siamo andati a Novellara, in provincia di Modena, là dove la storia dei Nomadi è cominciata nel lontanissimo 1963, quando Beppe Carletti conobbe Augusto Daolio. In realtà Carletti guidava un complesso musicale già dal 1961 (I Monelli, che poi era diventato I Nomadi); ma è senz’altro con l’ingresso in formazione di Augusto che possiamo far iniziare il “diario” di quel viaggio che ancora oggi continua, anche dopo che Daolio, il 7 ottobre del 1992, se n’è andato, e Beppe Carletti è rimasto, oggi, il solo della formazione originaria. Augusto e Beppe scrivevano le canzoni insieme nella casa del secondo, in via Boccaccio a Novellara; e nel piccolo teatrino incastonato nella Rocca di Novellara, dove ieri Beppe raccontava con la consueta semplice cordialità aneddoti ed episodi del passato, pareva proprio che lo spirito di Augusto aleggiasse benigno sul gruppo di persone raccolte a pranzo. Daolio riposa nel cimitero di Novellara, in un’area in cui sono sepolti i bambini e dove sono state piantate delle querce. E Carletti ne parla, dell’amico e compagno, come se fosse lì: “E’ stato un privilegio conoscere Augusto: è una persona affamata di vita”, dice, informandoci che due settimane fa al nome di Daolio è stato intitolato un parco della cittadina – anzi: “del paese”, come dice Carletti, che orgogliosamente fa notare come di 22 musicisti che sono transitati nella varie formazioni dei Nomadi nessuno era “di città”.

L’atmosfera è cordiale e affettuosa, il lambrusco frizzante e lo gnocco fritto saporito; sicché non c’è acidità né spirito rivendicativo nella voce di Beppe quando butta lì “Al Club Tenco non ci hanno mai invitati, e siamo vissuti bene lo stesso”. C’è orgoglio, invece, quando sottolinea che i Nomadi sono stati “i primi artisti italiani indipendenti – controvoglia”.

Si parla di tante cose, a pranzo: si ricorda che i Nomadi hanno cantato la sigla della quarta stagione di “Rischiatutto” (“Voglio ridere”, 1973-1974) – “Fabio Fazio vi ha invitati?” “Veramente no...” e parte la proposta di una petizione; Carletti dice che i sette inediti cantati da Augusto inclusi nel cofanetto “sembrano freschissimi”, e aggiunge: “si sente che l’uomo sa cantare, pur non avendo studiato” (lo dice con tono curiosamente quasi paterno, come se lui, settant’anni compiuti da qualche mese, fosse l’orgoglioso genitore di quell’uomo barbuto che avrà per sempre 45 anni, l’età di quando è morto “nel sonno, per fortuna”).

Escono nomi del passato - Corrado Bacchelli, Dodo Veroli, Giorgio Calabrese (“scrisse per noi il testo italiano di ‘I want you’ di Bob Dylan”) - e storie dei mitici anni Sessanta, di quando non si diceva “concerti” ma “servizi” (“77 giorni al Frankfurt Bar di Riccione nel 1963!”); la memoria di Beppe Carletti è lucidissima, anche se di cinque degli inediti di cui lui è l’autore delle musiche proprio non è riuscito a ricordarsi chi abbia scritto i testi, E se non ci fosse da andar via, perché nel pomeriggio potrebbe salire la nebbia, si resterebbe lì fino a sera e oltre, a chiacchierare e bere e rievocare. Ma i Nomadi non hanno solo un lungo passato: il 17 novembre da Montepulciano prende il via un nuovo tour...

Franco Zanetti

 

I NOMADI 1965/1979
Diario di Viaggio di Augusto e Beppe
edizione superdeluxe in 8 CD

CD 1 - Il meglio 1965/1979
1.    Io Vagabondo
2.    Crescerai
3.    So Che Mi Perdonerai
4.    Non Dimenticarti Di Me
5.    Gordon
6.    Naracauli
7.    La Storia
8.    Quasi Quasi
9.    Ieri Sera Sognavo Di Te
10.    Sorprese
11.    Un Autunno Insieme E Poi
12.    Vittima Dei Sogni
13.    La Città
14.    Ma Piano (Per Non Svegliarmi)
15.    Vola
16.    La Voglia Di Posare
17.    Il Confine

CD 2 - Il meglio 1965/1979
1.    Un Giorno Insieme
2.    Voglio Ridere
3.    Mille E Una Sera
4.    Quanti Anni Ho
5.    Mamma Giustizia
6.    Il Paese
7.    Il Destino
8.    La Morale
9.    Immagini
10.    I Miei Anni
11.    Non Credevi
12.    E Vorrei Che Fosse
13.    La Mia Canzone Per Gli Amici
14.    Un Po' Di Me
15.    Io Non Sono Io
16.    Canto D'amore
17.    Uno Sbaglio

CD 3 - Il meglio 1965/1979
1.    Un Pugno Di Sabbia
2.    Tutto A Posto
3.    Spegni Quella Luce
4.    Il Fiore Nero
5.    Joe Mitraglia
6.    Senza Discutere
7.    Suoni
8.    Riverisco (Parte 1: La Foresta)
9.    Riverisco (Parte 2: L'Albero)
10.    Abbi Cura Di Te
11.    Tutto Passa
12.    Luisa
13.    Beautiful Day
14.    Fatti Miei
15.    Giorni Tristi
16.    Ritornerei
17.    Rebecca (Un Gioco Di Società)

CD 4 - Inediti
1.    Uomo Di Sole
2.    Amore Grande Mio
3.    Vento Caldo
4.    Film
5.    Chi Sei
6.    Un corpo e un'anima
7.    Senza pensieri nel cuore
8.    Se Restiamo Ancora Qui (Ricordi) (versione alternativa inedita)
9.    Balla Piero (versione alternativa inedita)
10.    Gli occhi tuoi (Voglio Ridere) (versione alternativa inedita)

CD 5 - Demo e rarità
1.    What Now My Love
2.    Una Ragazza Come Tante  - Augusto Daolio
3.    20.000 Leghe - Nemo/Beppe Carletti
4.    Ehgel 000.02 - Nemo/Beppe Carletti
5.    To Love Somebody - Chris Dennis
6.    The Memory Train - Chris Dennis
7.    So Che Mi Perdonerai (Demo)
8.    Stagioni (Demo)
9.    Eterno (Demo)
10.    Yo Vagabundo (Io Vagabondo)
11.    Mil Y Una Noche (Mille E Una Sera)
12.    No Te Olvides Nunca De Mi (Non Dimenticarti Di Me)
13.    Se Que Me Perdonaras (So Che Mi Perdonerai)

CD 6 - Le cover dei Nomadi
1.    Ho Difeso Il Mio Amore (Nights In White Satin)
2.    Un Figlio Dei Fiori Non Pensa Al Domani (Death Of A Clown)
3.    Come Potete Giudicar (The Revolution Kind)
4.    Ala Bianca (Sixty Years On)
5.    L'Auto Corre Lontano, Ma Io Corro Da Te (Wichita Lineman)
6.    Vai Via, Cosa Vuoi (All The Love In World)
7.    Mai Come Lei Nessuna (Run To The Sun)
8.    Il Gigante (Whisper in the Night)
9.    Stagioni (Seasons)
10.    Il Nome Di Lei (Gotta See Jane)
11.    Vola Bambino (Hi Ho Silver Lining)
12.    Ti Voglio (I Want You)
13.    Un Riparo Per Noi (With a Girl Like You)
14.    Insieme Io E Lei (Days)
15.    Donna La Prima Donna (Donna The Prima Donna)
16.    Racconta Tutto A Me (You Don't Love Me )
17.    Icaro (Winter Of My Life)
18.    Quattro Lire E Noi (My Mind's Eye)
19.    La Mia Libertà (Girl Don't Tell Me)

CD 7 - I Nomadi cantano e interpretano Guccini
1.    Dio È Morto
2.    Canzone Per Un'amica
3.    Noi Non Ci Saremo
4.    Il Vecchio E Il Bambino
5.    Canzone Della Bambina Portoghese
6.    Piccola Città
7.    La Collina
8.    Noi
9.    Per Fare Un Uomo
10.    L'Isola Non Trovata
11.    Il Disgelo
12.    Ophelia
13.    Per Quando È Tardi
14.    E' Giorno Ancora
15.    Giorno D'estate
16.    Asia
17.    Per Quando Noi Non Ci Saremo

CD 8 - Album Concerto - Francesco Guccini e i Nomadi live
1.    Canzone Per Un'Amica
2.    L'Atomica Cinese
3.    Noi Non Ci Saremo
4.    Per Fare Un Uomo
5.    Primavera Di Praga
6.    Dio È Morto
7.    Canzone Del Bambino Nel Vento (Auschwitz)
8.    Noi
9.    Statale 17


I NOMADI 1965/1979
Diario di Viaggio di Augusto e Beppe
edizione deluxe in 4 CD

CD 1 - Il meglio 1965/1979
Io Vagabondo
Crescerai
Noi Non Ci Saremo
Ho Difeso Il Mio Amore (Nights In White Satin)
Un Figlio Dei Fiori Non Pensa Al Domani (Death Of A Clown)
Come Potete Giudicar (The Revolution Kind)
So Che Mi Perdonerai
Tutto A Posto
Il Vecchio E Il Bambino
Canzone Della Bambina Portoghese
Non Dimenticarti Di Me
Mille E Una Sera
Spegni Quella Luce
Piccola Città
Quanti Anni Ho
Suoni
Senza Discutere

CD 2 - Il meglio 1965/1979
Dio È Morto
Un Pugno Di Sabbia
Canzone Per Un'amica
Un Giorno Insieme
Voglio Ridere
Per Fare Un Uomo
Ala Bianca (Sixty Years On)
L'Auto Corre Lontano, Ma Io Corro Da Te (Wichita Lineman)
Gordon
Vai Via, Cosa Vuoi (All The Love In World)
Mai Come Lei Nessuna (Run To The Sun)
Il Fiore Nero
Mamma Giustizia
Joe Mitraglia
Il Confine
Uno Sbaglio
Donna La Prima Donna (Donna The Prima Donna)

CD 3 - Inediti
1.    Uomo Di Sole
2.    Amore Grande Mio
3.    Vento Caldo
4.    Film
5.    Chi Sei
6.    Un corpo e un'anima
7.    Senza pensieri nel cuore
8.    Se Restiamo Ancora Qui (Ricordi) (versione alternativa inedita)
9.    Balla Piero (versione alternativa inedita)
10.    Gli occhi tuoi (Voglio Ridere) (versione alternativa inedita)


CD 4 - Album Concerto - Francesco Guccini e i Nomadi live
1.    Canzone Per Un'Amica
2.    L'Atomica Cinese
3.    Noi Non Ci Saremo
4.    Per Fare Un Uomo
5.    Primavera Di Praga
6.    Dio È Morto
7.    Canzone Del Bambino Nel Vento (Auschwitz)
8.    Noi
9.    Statale 17

 

Scheda artista Tour&Concerti
Testi